Menu
Cerca

Imam Zingonia, l’avvocato glielo paga lo Stato

Lo Stato è parte civile nel processo che vede imputato Zulkifal, ma al contempo concedere il gratuito patrocinio.

Imam Zingonia, l’avvocato glielo paga lo Stato
Cronaca Treviglio città, 22 Gennaio 2018 ore 20:42

Vi ricordate la vicenda dell’Imam di Zingonia? Lui Hafiz Muhammad Zulkifal è accusato di terrorismo e di essere la mente di una cellula di Al Quaeda responsabile di diversi attentati in Pakistan. Il suo processo davanti alla Corte d’Assise è iniziato nel dicembre 2015 e lo Stato si è costituito parte civile. Peccato, però, che al contempo gli paghi la difesa.

Imam a processo

A qualcuno verrrebbe da chiedersi come sia possibile. Si tratta del patrocinio gratuito che può essere richiesto in caso di reddito inferiore a 11.528 euro. E’ il caso di Zulkifal che da quando si trova in cercere in Sardegna non ha più potuto gestire la sua attività di commerciante. A difenderlo ci pensano gli avvocati Fulvio Vitali, pagato appunto dallo Stato, e Omar Massimo Hegazi.

Chi è

Hafiz Muhammad Zulkifal era arrivato in Italia nel 1998 e dopo qualche anno si era stabilito a Zingonia. Lì, ai piedi delle Torri era diventato la guida spirituale della comunità, l’Imam di Zingonia appunto. Quando lo hanno arrestato viveva a Pognano. Ora si trova in un carcere di massima sicurezza a Bancali, dove si sta svolgendo il processo.

Gli approfondimenti sulla vicenda sul numero del Giornale di Treviglio in edicola venerdì.

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli