Menu
Cerca
Emergenza Coronavirus

Il punto in Lombardia, Gallera: “Bene, ma ci aspetta una Pasqua a casa” I DATI

Dati stabili: diminuiscono i ricoverati e i pazienti in terapia intensiva. Ancora alto il numero dei decessi: oggi 238.

Il punto in Lombardia, Gallera: “Bene, ma ci aspetta una Pasqua a casa” I DATI
Cronaca Treviglio città, 08 Aprile 2020 ore 18:17

“Il risultato è vicino, ma non dobbiamo allentare l’attenzione adesso. Ci aspetta una Pasqua a casa, ancora una settimana di sacrificio poi lentamente ricominceremo. Se saremo fortemente determinati l’obiettivo si raggiunge”.

Così l’assessore al Welfare Giulio Gallera nel consueto punto stampa di Regione Lombardia sui contagi da Coronavirus.

I dati in Lombardia

I positivi sono 53414 (+1089) su 167557 tamponi con un aumento di 8226. Migliora il dato dei ricoveri a 11719, -114 rispetto a ieri, così come la Terapia intensiva dove si trovano ricoverati 1257 pazienti, -48 rispetto al dato di ieri.

Crescono i dimessi, 30716 in tutto, di cui 15147 con almeno un passaggio in ospedale, +649 rispetto a ieri. Resta stabile il dato dei decessi, anche oggi 238 vittime per un totale di 9722.

I dati provinciali vedono Bergamo a 9931 (+63), Brescia 9909 (+315), Milano 12039 (+252), Cremona 4422 (+99).

“Il dato di Brescia non deve spaventare, non si tratta di una nuova ondata di contagi – ha rassicurato Gallera – piuttosto dell’aumento dei positivi dovuto a un numero maggiore di tamponi effettuati in questi giorni”.

“In Lombardia è esplosa una bomba atomica”

Gallera ha poi ricostruito i primi giorni dell’emergenza in Lombardia per rispondere alle accuse di mala gestione se confrontati con i dati di Regioni come Veneto ed Emilia Romagna.

“Impossibile fare paragoni – ha detto – la Lombardia ha fronteggiato un’ondata tremenda, una bomba atomica. Non è stato possibile individuare, come fatto a Vo’ Euganeo, un solo focolaio. Il contagio si era già diffuso attraverso eventi in tutta la Lombardia, la Fiera del fieno nel bresciano, una balera a Pavia dove si sono trovati molti cremonesi. Impossibile fermarlo”.

Affrontato anche il problema delle Rsa su cui si era già espresso anche il governatore Attilio Fontana annunciando diverse commissioni d’inchiesta.

TORNA ALLA HOME

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli