Il poeta Iginio Bezza racconta Valentina Cortese, la diva con Agnadello nel cuore

Trascorse l'infanzia in terra cremasca, affidata dalla madre a una balia. Non dimenticò mai quegli anni e tornò più volte in paese.

Il poeta Iginio Bezza racconta Valentina Cortese, la diva con Agnadello nel cuore
Cremasco, 19 Luglio 2019 ore 15:46

Valentina Cortese fu l’ultima grande diva del cinema e del teatro italiano, morta il 10 luglio a 96 anni. Una donna capace di riscattare un’infanzia non del tutto felice, che però le lasciò nel cuore Agnadello, di cui è cittadina onoraria.

Valentina Cortese, una diva che non scordò mai la terra cremasca

La diva del cinema e del teatro, nata a Milano e premiata a metà anni Cinquanta con la Grolla d’oro e il Nastro d’argento per il film «Le amiche», candidata all’Oscar nel 1973 come miglior attrice non protagonista per «Effetto Notte», ha passato l’infanzia tra Agnadello e Rivolta. Ma a poter raccontare la storia della sua permanenza in terra cremasca ormai restano in pochi. Tra loro il grande poeta dialettale e memoria storica agnadellese Iginio Bezza, 88 anni.

“Fu affidata appena nata dalla madre a una balia e veniva dai miei nonni per mangiare il latte e scaldarsi in stalla – ha raccontato – adorava i miei zii Michele e Marcello Foglio. Quando tornò in paese anni dopo, già famosa, li trovò che mungevano e volle che si preparasse polenta e latte per mangiare insieme”.

Leggi di più su Cremascoweek in edicola.

TORNA ALLA HOME

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia