Guardie e ladri a Pontirolo, i carabinieri inseguono due nomadi dopo un tentato furto

Arrestati due nomadi e una complice incinta.

Guardie e ladri a Pontirolo, i carabinieri inseguono due nomadi dopo un tentato furto
Cronaca Treviglio città, 30 Luglio 2018 ore 09:13

Guardie e ladri a Pontirolo, i carabinieri inseguono due nomadi dopo un tentato furto. E’ successo ieri pomeriggio.

Due arrestati e denunciata una complice incinta

Ieri i carabinieri della Compagnia di Treviglio hanno arrestato in flagranza di reato due giovanissimi nomadi di etnia serba, un 18enne e un 15enne, entrambi già noti alle Forze dell’ordine, e denunciato a piede libero un terzo loro complice, una ragazza 19enne, al 6° mese di gravidanza, anche lei di nazionalità serba.

Tentato furto

I tre, ieri pomeriggio, hanno tentato un furto all’interno di un’abitazione di via Bottego a Dalmine. La segnalazione al “112” di un vicino di casa dei proprietari dell’abitazione presa di mira, in quel momento non presenti, ha subito allertato la Centrale Operativa della Compagnia dei Carabinieri di Treviglio.

L’inseguimento fino a Pontirolo

Una pattuglia della stazione di Dalmine, in quel momento in servizio di perlustrazione, ha intercettato il veicolo con a bordo i tre autori del tentativo di furto, ingaggiando uno spericolato inseguimento fino a Pontirolo Nuovo. Incuranti del traffico e della segnaletica stradale, il mezzo dei fuggitivi, a tutta velocità, ha messo più volte a rischio l’incolumità degli automobilisti, imboccando infatti anche diverse strade contromano. Durante la corsa, ha addirittura perso un pneumatico, continuando comunque imperterrito nella sua folle corsa.

Guardie e ladri nella Bassa

Nell’inseguimento, ad un certo punto, si è inserita anche una “gazzella” del “112” del Nucleo Radiomobile di Treviglio e una pattuglia della stazione di Zingonia, intervenute in supporto dei colleghi. Bloccato il mezzo inseguito a Pontirolo Nuovo, la donna incinta è rimasta all’interno dell’abitacolo, mentre i due ragazzi sono fuggiti nei campi circostanti. Bloccati dopo alcune centinaia di metri, i due giovani nomadi hanno aggredito i carabinieri, ferendone appunto due che, ricorsi poi alle cure mediche, hanno riportato rispettivamente 5 e 14 giorni di prognosi. Danneggiato anche il mezzo militare durante le operazioni di fermo.

Arrestati i due nomadi

Accompagnati in Caserma, il 18enne e il 15enne sono stati arrestati in flagranza di reato. La contestazione penale è quella di tentato furto aggravato in abitazione, resistenza e lesioni personali aggravate a Pubblico Ufficiale e danneggiamento aggravato. In concorso è stata denunciata a piede libero anche la 19enne incinta.

Oggi la direttissima

Per il 18enne nomade stamattina, in Tribunale a Bergamo si svolgerà l’udienza di convalida con rito per direttissima. Il 15enne, invece, in nottata è stato tradotto presso il CPA minorile di Milano. Recuperati, infine, tre grossi cacciaviti che erano nella disponibilità della 19enne e di cui la stessa aveva tra l’altro tentato di disfarsene durante l’assurda corsa in auto per sfuggire ai carabinieri.

TORNA ALLA HOME

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità