Gli studenti dell’Oberdan al Commissariato di Treviglio contro la violenza sulle donne

Gli studenti dell’Oberdan al Commissariato di Treviglio contro la violenza sulle donne
Cronaca Treviglio città, 22 Novembre 2018 ore 14:58

Gli alunni della I° classe di Scienze Umane hanno fatto visita questa mattina al Commissariato di Treviglio, dove sono state illustrate loro le operazioni svolte dalla Polizia per raccogliere le denunce di donne vittime di violenza.

Polizia e Soroptimist contro la violenza sulle donne

In Italia una donna subisce una violenza fisica, o viene addirittura uccisa, una volta ogni tre giorni. Dati estremamente preoccupanti ed allarmanti che evidenziano il gravissimo fenomeno della violenza sulle donne, a cui il Commissariato di Polizia di Treviglio e Soroptimist International vogliono porre rimedio con azioni mirate e finalizzate alla tutela della persona offesa.

In un momento sociale così delicato e critico, è necessario focalizzare il problema dei maltrattamenti fisici e verbali sin dalla radice, trasmettendo questa emergenza nelle coscienze dei più giovani. Per questo motivo infatti, il Commissario Angelo Lino Murtas ha convocato gli studenti di Scienze Umane del Liceo “Oberdan” nella sede del Commissariato, mostrando loro come le Forze dell’Ordine intervengono a supporto della donna vittima di violenze. Inoltre, in occasione della “Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza sulle Donne”, che si svolgerà domenica 25 novembre, lo stesso Commissario ha aperto agli studenti le porte della “Stanza tutta per sé”,  ossia una stanza (inaugurata lo scorso anno in collaborazione con Soroptimist e con il Comune di Treviglio) dove poter accogliere le donne maltrattate in un ambiente protetto e garantito dalla massima privacy.

“Voi giovani esempio per la società”

Nel corso dell’intera mattinata i ragazzi di prima superiore del liceo Scienze Umane hanno direttamente interagito con il Commissario Murtas e con Anna Di Landro e Lia Bergamini, rispettivamente Presidente e Segretaria di Soroptimist Treviglio, ponendo loro domande e curiosità su come la Polizia di Stato accoglie donne vittime di violenza.

“Vogliamo far capire a tutti voi come vengono gestiti i casi di donne che lamentano casi di violenza – ha affermato Angelo Lino Murtas – ed in particolare siamo lieti di mostrarvi la stanza che abbiamo allestito all’interno del nostro Commissariato. Qui le donne possono trovare un luogo sicuro, protetto, fornito di assistenza psicologica e lontano da ogni forma di invasione della privacy. La sala è allestita con i colori delle pareti indicati dal Consiglio Nazionale di Soroptimist, un quadro donato dagli studenti del liceo artistico Weil e con alcuni giochi, in modo tale che le madri possono venire qui con i propri bambini al seguito. E’ una stanza che viene utilizzata quattro o cinque volte al mese – conclude il Commissario di Treviglio – e capite bene che sono numeri purtroppo alti. Voi giovani dovete essere l’esempio della nostra società, e potete rendervi utili per renderla migliore anche con piccoli gesti quotidiani. Vi ricordo, infine, che se voleste portare avanti una segnalazione alla Polizia, lo potete fare anche dal vostro cellulare installando l’app “YouPol”.

Soroptimist scende in piazza per dire “no” alla violenza sulle donne

Sempre per quanto concerne la giornata mondiale per l’abolizione della violenza sulle donne, le iniziative non si fermano qui. Nelle giornate di sabato pomeriggio (24 novembre, dalle 15 alle 17.30) e domenica mattina (25 novembre dalle 10 alle 12), Soroptimist International sarà presente con un proprio gazebo in piazza Manara a Treviglio. Le volontarie venderanno infatti un sacco di arance avvolte in una carta velina di colore arancio, simbolo della lotta anti-violenza. Il ricavato delle vendite andrà a sostegno dei progetti ideati da Soroptimist per aiutare le persone in difficoltà.

Leggi anche: Violenza sulle donne, tutti gli eventi nella Bassa per il 25 novembre

TORNA ALLA HOME

 

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità