Cronaca

Gli studenti del Cantoni si prendono cura del vigneto didattico di Vaprio - TreviglioTV

Gli studenti del Cantoni si prendono cura del vigneto didattico di Vaprio - TreviglioTV
Cronaca Treviglio città, 16 Febbraio 2017 ore 11:03

Gli studenti dell’Istituto Agrario Cantoni di Treviglio si prendono cura del vigneto didattico di Vaprio.

Lunedì nel parco comunale di Vaprio, una classe quinta della scuola Agraria di Treviglio ha potato il vigneto didattico dell'"uva delizia delizia di Vaprio".

Come ormai molti sanno, lì si trova il vigneto didattico dell’uva “Delizia di Vaprio”, inaugurato circa due anni fa dall’Amministrazione e attualmente gestito dalla Proloco.

Filari preziosi, per i vapriesi in particolare, che fanno parte del patrimonio culturale del territorio, come testimoniato esplicitamente già dal nome del vitigno. Un patrimonio che, nelle intenzioni del Comune, fin dall’inizio doveva essere messo a disposizione di tutti, utile in particolare alle nuove generazioni, che potevano apprendere, attraverso l’esperienza, sia nozioni di scienze naturali, sia di storia e tradizioni di un territorio un tempo a forte vocazione agricola. E proprio in questo spirito didattico è nata la collaborazione fra la Scuola di Agraria di Treviglio e la Proloco di Vaprio, grazie al contributo del comitato cittadino “Il paese siamo noi”.

Il piccolo vigneto, infatti, è stato inserito nei progetti di attività pratiche che la scuola trevigliese pianifica annualmente. Un gruppo di studenti delle quinte classi e il loro insegnante, il professor Crisafulli, supporterà Proloco nella cura della vigna.

Le uniche coltivazioni sono sul territorio vapriese, caratterizzata da una storia locale, corredata da una documentazione storico scientifica conservata dall’avvocato Carlo Orlandi, cui si deve il recupero di questa specie.

Orlandi è stato recentemente il promotore dell’inserimento dell' "uva delizia di Vaprio" nel repertorio delle biodiversità “L’Arca del Gusto” della fondazione Slow Food.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter