Menu
Cerca

Giù le serrande al bar del Circolo dopo 30 anni

E' stato per oltre trent'anni un punto di ritrovo per i calvenzanesi, ospitando al primo piano incontri, convegni e dibattiti politici.

Giù le serrande al bar del Circolo dopo 30 anni
Treviglio città, 04 Agosto 2018 ore 09:30

Lo storico bar del Circolo Donizetti, in via Caravaggio 7 a Calvenzano, ha chiuso dopo oltre 30 anni. Ora, la Cooperativa Lombardi guarda al sociale per rilanciare lo stabile di sua proprietà.

Chiuso il bar del Circolo Donizetti

E’ stato per oltre trent’anni un punto d’incontro per tanti calvenzanesi. I tempi cambiano e cambiano anche le abitudini dei "nuovi" calvenzanesi. Così, il bar del Circolo Donizetti in via Caravaggio 7 è stato costretto a chiudere, definitivamente, le serrande. Anche l’ultimo gestore del locale, di proprietà della Cooperativa Lombardi, infatti, ha gettato la spugna. L’attività, ormai, non era più remunerativa e così Calvenzano perde uno dei suoi bar storici, il "bar dei socialisti" o il bar "Al Circulì" come lo conoscono i più in paese.

Le origini

Inaugurazione del Circolo Donizetti a Calvenzano l'8 gennaio 1985

Risale all’8 gennaio 1985 la fondazione della Cooperativa socialista "Riccardo Lombardi" da parte di una cinquantina di soci e del Circolo Donizetti la cui sede si stabilì nello stabile - la cascina di un anziano agricoltore di Calvenzano, acquistata e ristrutturata dai soci - che ospita anche il bar a piano terra. Al primo piano, dove in passato c’era il fienile, venne realizzato un ampio salone che negli anni ha ospitato riunioni, incontri, iniziative a carattere sociale, ma anche concerti. A utilizzarlo il Psi, l’Anpi, la cartofila e altri gruppi di Calvenzano, non ultimo l’associazione "Amici di Aleimar Bassa Bergamasca - Annamaria Galimberti" di cui l’ex sindaco Natale Molinari è il fondatore e referente.

Il tentativo di rilancio della Cooperativa

Chiuso definitivamente il bar la Cooperativa Lombardi pensa a un rilancio per lo stabile di sua proprietà. "E’ intenzione della Cooperativa mettere a disposizione delle associazioni locali e di privati, ulteriori spazi (al Circolo, ndr) - ha spiegato Molinari - tra i quali il grande salone con stereo, per sviluppare dibattiti, incontri, iniziative sociali, ricreative, sportive, musicali e culturali, oltre ad altre attività senza fine di lucro che possano interessare sia Calvenzano sia il territorio limitrofo. Un rilancio che si basa sul sociale e speriamo che quanti se ne occupano accolgano il nostro invito. Ci siamo dati un anno di tempo per vedere se le cose funzionano, poi tireremo una riga e vedremo com’è andata".

Maggiori dettagli sul Giornale di Treviglio in edicola.

TORNA ALLA HOME