Cronaca
randagi

Gatti randagi? "Nessun allarme in paese"

Nelle scorse settimane la capogruppo di minoranza ha inviato al primo cittadino un’interrogazione chiedendo delucidazioni in merito ai comportamenti attuati nei confronti degli animali liberi

Gatti randagi? "Nessun allarme in paese"
Cronaca Gera d'Adda, 06 Novembre 2021 ore 11:25

 Una colonia felina a Morengo?: il consigliere Alessandra Ghilardi vuole vederci chiaro. A risponderle è il sindaco Amilcare Signorelli.

Il problema dei gatti randagi

Nelle scorse settimane la capogruppo di minoranza ha inviato al primo cittadino un’interrogazione chiedendo delucidazioni in merito ai comportamenti attuati nei confronti degli animali liberi sul territorio comunale, con particolare riferimento ai gatti randagi. Nello specifico Ghilardi ha sottolineato come "al momento non vi sia alcuna convenzione con l’oasi felina di riferimento, situata a Romano, con la quale collabora anche una struttura per la corretta gestione del randagismo e che insieme ad Ats gestisce la sterilizzazione dei gatti randagi".

La replica del sindaco

Il sindaco Amilcare Signorelli, dal canto suo, ha risposto all’interrogazione spiegando come venga ora gestita la situazione in paese. "Ad oggi abbiamo una sola persona che si è fatta carico di una colonia felina in paese, cui Ats fornisce assistenza per chippare, identificare e sterilizzare gli animali randagi – ha spiegato – Del resto non esistono norme che prevedano necessariamente la convenzione con un’oasi felina. Mesi fa avevamo ricevuto le segnalazioni di altre situazioni di randagismo da parte di due persone che si occupano di gatti randagi, e abbiamo invitato queste persone a registrare le colonie feline, mettendoci a disposizione per tutto il supporto necessario, ma ad oggi non abbiamo più ricevuto risposta. L’attenzione è sempre stata massima – ha assicurato ancora il sindaco – Abbiamo sempre riportato qualunque segnalazione agli enti competenti e chiesto la collaborazione dei cittadini. La responsabilità sui gatti randagi è in capo al sindaco, ma ad oggi non abbiamo ricevuto alcuna segnalazione di difficoltà o pericolo per problemi sanitari legati a questo tema. La legge del resto impone che i gatti randagi vengano lasciati in libertà, seppur monitorati e controllati da chi decide di farsi carico di una colonia felina".