Cronaca
Bariano

Furto a scuola spariscono undici computer

La dirigente Zahora: "Comprati nuovi pc e un armadio per custodirli al sicuro: siamo stati costretti a rigirare dei fondi inizialmente destinati altrove"

Furto a scuola spariscono  undici computer
Cronaca Gera d'Adda, 28 Novembre 2021 ore 09:46

Sfondano le porte-finestra e si introducono a scuola: rubati undici portatili dal plesso della Primaria di Bariano. Una triste vicenda, settimana scorsa, ha interessato le scuole elementari del paese, che hanno subito un’effrazione e sono state derubate di ben undici notebook utilizzati per la didattica e che erano stati fondamentali lo scorso anno scolastico durante il breve periodo di Didattica a Distanza cui era stato costretto – come tutti gli altri – l’istituto.

Furto a scuola spariscono i Pc

A spiegare quanto accaduto, dopo che la voce si è sparsa in paese nel giro di poche ore, è stata la dirigente scolastica Giuseppina Maria Zahora, che con amarezza ha già dovuto destinare nuovi fondi all’acquisto di nuovi supporti. «Purtroppo devo confermare le voci che girano in paese: nella notte tra giovedì e venerdì della scorsa settimana la scuola è stata derubata di undici notebook – ha esordito – I ladri hanno rotto tutte le porte-finestra che danno sul cortile dell’edificio, provocando un ulteriore danno al di là della refurtiva, dopo di che si sono introdotti nell’edificio e, nel breve tempo a loro disposizione dopo l’attivazione dell’allarme, sono riusciti a mettere le mani su ben undici pc con i quali i ragazzi avevano effettuato lo scorso anno la didattica a distanza».

Danni per alcune migliaia di euro

Sebbene i portatili in questione non fossero certo di ultima generazione, si tratta in ogni caso di un colpo dal valore di qualche migliaio di euro, e di un danno comunque non trascurabile per l’Istituto Comprensivo, che dopo aver denunciato l’accaduto ai carabinieri ha subito dovuto prendere provvedimenti e provvedere alla destinazione di nuovi fondi per l’acquisto dei supporti elettronici, da settimana scorsa custoditi sotto chiave. «Ovviamente venerdì mattina abbiamo sporto denuncia ai carabinieri, che stanno già indagando e che visioneranno anche le telecamere all’esterno dell’edificio per risalire ai colpevoli – precisa sempre Zahora – Per il resto siamo stati costretti a rigirare dei fondi inizialmente destinati altrove: una parte per l’acquisto di nuovi pc, e una parte per comprare degli armadietti dove custodirli meglio. Quanto ai notebook rimasti attualmente in nostro possesso, sono stati ovviamente messi al sicuro» ha concluso la dirigente, che ha riferito anche di come la stessa notte i ladri abbiano «fatto visita» anche al centro sportivo comunale a poche decine di metri dalla scuola.