Menu
Cerca

Ladri scatenati in tre paesi e tra le vittime dei furti c’è anche un assessore

Un pensionato ha inseguito uno dei malviventi a piedi nudi.

Ladri scatenati in tre paesi e tra le vittime dei furti c’è anche un assessore
Cronaca Treviglio città, 13 Dicembre 2017 ore 10:49

Ladri scatenati a Pontirolo, Fara e Canonica. Tra le vittime dei furti anche l’assessore farese Aldo Ravasi.

Furti a raffica, derubato anche un assessore di Fara

Con l’avvicinarsi delle feste natalizie i topi d’appartamento hanno intensificato la loro attività. L’ora prediletta è quella del tardo pomeriggio, tra le 17 e le 19, oltre che quella «tradizionale» notturna. I raid vanno avanti da settimane, e durante il ponte dell’Immacolata è stata una strage. A farne le spese è stato anche l’assessore ai Lavori pubblici di Fara Ravasi: «Eravamo fuori – ha raccontato – In un’ora hanno ribaltato la casa completamente, anche la cantina: hanno aperto dappertutto e gettato ogni cosa per terra, un disastro. Devono aver scavalcato il cancello e poi hanno scassinato la porta, con vetro antisfondamento…. L’hanno presa a colpi di mazza. Sono riusciti a trovare degli orologi di valore per cinque sei mila euro».

Una banda composta da tre giovani

Non è andata bene nemmeno al noto fotografo farese Mario Molteni, che vive in Largo IV Novembre: «Mi ha telefonato il mio vicino che, sentendo trambusto, si è affacciato al balcone e ha visto un giovane camminare su e giù dal corsello che porta ai box – ha raccontato – Uno di loro era salito sul cofano di un’auto parcheggiata lì e poi si era arrampicato sul mio balcone. Mi ha ha rubato la tv, tre giubbotti, due paia di scarpe e le fedi. Poi si è calato giù con la tv sotto braccio e una borsa in mano. Sono scappati salendo a bordo di un suv “Mercedes” scuro che li aspettava». Secondo raid sabato scorso. Questa volta la banda era a bordo di un “Fiat Daily” bianco ma è fuggita a mani vuote. In via Colleoni, invece, i malviventi sono riusciti a portar via della bigiotteria. Tanto spavento anche per Pina Emedoli, residente in via Ramponi a Canonica.
«Sono rientrata a casa con mio figlio e ho trovato la porta aperta – ha raccontatola pensionata – Sulla strada ho notato dei giovanotti mai visti. Quando sono entrata ho visto tutto per terra, sparite 30 euro».

Un anziano pontirolese li mette in fuga

Molto peggio è andata, invece, alla famiglia Guarnerio, che vive in via San Michele a Pontirolo: «Sono entrati e hanno portato via la cassaforte», ha confermato una residente amareggiata. E vittima della banda è stata anche una famiglia in via Adua. A salvarsi grazie al pronto intervento dell’anziano padre è stato invece il fruttivendolo Nicola Bassi, residente in via Nullo.
«Mio padre, che vive nell’appartamento sotto il mio, ha sentito qualcuno salire le scale esterne e poi anche dei colpi – ha spiegato – E’ uscito, ha visto un uomo scavalcare la recinzione sul retro e d’istinto lo ha rincorso a piedi nudi… Lui però è balzato su un’auto scura che lo aspettava sulla strada ed è fuggito. Pensare che soffre di cuore, lo spavento è stato grande».

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli