Cronaca

Frode fiscale da 16 milioni di euro, nove denunciati

Contestati i reati di omesse dichiarazioni fiscali, indebite compensazioni di crediti IVA e distruzione di documentazione contabile.

Frode fiscale da 16 milioni di euro, nove denunciati
Cronaca 22 Maggio 2018 ore 08:46

Frode fiscale da 16 milioni di euro, nove denunciati.

Frode fiscale, nove denunciati

Omesse dichiarazioni fiscali, indebite compensazioni di crediti IVA, distruzione di documentazione contabile. Sono questi i principali reati contestati dalla Guardia di Finanza di Bergamo a nove persone, tra cui un 44enne di Foresto Sparso, ritenuto il principale artefice di una ingente frode fiscale. E' finito nei guai in qualità di amministratore di fatto di tre società, aventi sede dichiarata a Milano, ma in realtà operanti a cavallo tra il basso Sebino e il Bresciano, intestate solo formalmente a due prestanome, anch’essi di Foresto Sparso.

L'avvio delle indagini

Le indagini sono partite dai militari della Brigata di Sarnico. I Finanzieri avevano notato sul conto di un 74enne, attivo presso diversi uffici postali della zona a cavallo della Val Calepio e l’Ovest bresciano, importanti prelievi di somme di denaro contante per conto di un non meglio identificato imprenditore locale. I militari si sono messi subito sulle tracce dell’uomo e, dopo una serie di pedinamenti, hanno raccolto gli elementi necessari a far scattare le indagini.

L'attività di indagine

Le attività investigative, coordinate dal pm di Milano Sergio Spadaro, hanno richiesto un impegno di diversi mesi nel corso dei quali è stato necessario procedere con osservazioni, appostamenti, interrogazioni alle banche dati, perquisizioni di abitazioni e uffici di società, tra cui una sede operativa occulta a Palazzolo sull’Oglio - scoperta grazie ai pedinamenti dell’anziano “spallone” -, analisi di documenti e supporti informatici sequestrati, assunzione di informazioni da testimoni, accertamenti presso varie aziende che hanno intrattenuto rapporti con le società oggetto d’indagine.

Il sistema di frode

Il sistema di frode scoperto dai Finanzieri di Sarnico era sostanzialmente basato sull’utilizzo di diverse società, succedutesi nel tempo, sfruttate un paio d’anni e poi immediatamente sostituite da altre, formalmente prive di attinenza tra loro, ma in realtà strettamente collegate, tramite le quali le persone denunciate lavoravano nel settore edile e della gomma offrendo prestazioni a prezzi talmente competitivi da sbaragliare la concorrenza, operando nell’assoluto anonimato.

Aziende fantasma

Infatti le aziende, intestate a teste di legno, avevano come sede dichiarata meri recapiti, senza uffici, non dichiaravano nulla al Fisco, non versavano imposte e contributi grazie ad indebite compensazioni di inesistenti crediti d’imposta e svanivano in fretta, distruggendo le contabilità aziendali e svuotando giornalmente i conti societari, attraverso il prelievo di contanti da parte di una serie di complici del principale indagato, tutti identificati e denunciati all’Autorità Giudiziaria.

Danno da 16 milioni di euro

Il danno causato all’Erario è stato quantificato in circa 16 milioni di euro di base imponibile non dichiarata ai fini delle imposte sui redditi ed oltre 1,7 milioni di euro di IVA evasa. A seguito di specifica richiesta, il gip di Milano Natalia Imarisio ha emesso un decreto di sequestro preventivo finalizzato alla confisca, anche “per equivalente”, del profitto del reato, la cui esecuzione da parte dei militari della Brigata di Sarnico ha permesso di sottrarre agli indagati conti correnti, abitazioni, tra cui una lussuosa villa di 15 vani, autorimesse, terreni, veicoli, quote societarie.

L’amministratore giudiziario nominato dal gip ha già preso possesso dei beni sequestrati ed essendo diventato titolare delle quote delle società riconducibili agli indagati, ne ha acquisito la gestione.

TORNA ALLA HOME