Menu
Cerca
Contributo una tantum

Fondo protezione famiglia, da Regione 500 euro per i nuclei in difficoltà

Le domande potranno essere presentate dai cittadini residenti nella provincia di Bergamo dalle 10 del 13 aprile 2021 fino alle 12 del 20 aprile 2021.

Fondo protezione famiglia, da Regione 500 euro per i nuclei in difficoltà
Cronaca Treviglio città, 09 Aprile 2021 ore 12:05

Regione Lombardia, considerato il perdurare dell’emergenza sanitaria e le conseguenti misure restrittive di contrasto alla diffusione del virus, ha approvato un nuovo bando denominato “Fondo Protezione Famiglia Emergenza Covid-19”, con un intervento straordinario in favore delle famiglie con figli minori.

Aiuti alle famiglie

Giuseppe Matozzo, direttore sociosanitario di ATS di Bergamo precisa che “l’obiettivo dell’intervento è il sostegno alle famiglie con figli minori in situazione di particolare criticità a seguito dell’emergenza COVID-19. In particolare, l’erogazione di contributi in denaro è finalizzata a compensare l’impatto economico derivante dall’emergenza sanitaria sul reddito familiare, ad integrazione delle misure ordinarie ed emergenziali di sostegno al reddito adottate a livello nazionale”.

Inoltre, aggiunge il dottor Matozzo, “le risorse disponibili per l’attuazione della misura sono pari a complessivi euro 32.400.000, assegnati alle otto ATS lombarde che hanno il compito di trasferire le risorse agli Ambiti territoriali responsabili dell’istruttoria e della liquidazione”.

Chi può richiederlo

Destinatari dell’agevolazione sono i nuclei familiari nei quali il soggetto che presenta la domanda sia in possesso dei requisiti definiti dal provvedimento regionale:

  • residenza in Lombardia;
  • appartenenza a nucleo familiare composto almeno da un adulto e un minore di 18 anni (17 anni e 364 giorni) a carico e residente nel proprio nucleo familiare;
  • ISEE in corso di validità 2021 del nucleo familiare di appartenenza minore o uguale a 30.000,00 euro;
  • riduzione dell’intensità lavorativa comprovata (es: fruizione di forme di sostegno al reddito, ammortizzatori sociali o disoccupazione intervenuta a partire dal 31 gennaio 2020 e presenti al momento dell’invio della domanda…)

Tutti i requisiti previsti per l’accesso dei nuclei familiari al beneficio, incluso quello relativo alla riduzione dell’intensità lavorativa, devono sussistere in capo al componente del nucleo familiare che presenta la domanda.

Contributo di 500 euro

Il contributo economico concesso, pari a 500 euro una tantum quale contributo a fondo perduto a sostegno del nucleo famigliare del richiedente, può essere incrementato, su richiesta dello stesso richiedente, di una quota ulteriore sulla base del valore assunto dal Fattore Famiglia Lombardo (FFL).

Le domande potranno essere presentate dai cittadini residenti nella provincia di Bergamo dalle 10 del 13 aprile 2021 fino alle 12 del 20 aprile 2021 esclusivamente online attraverso il sistema www.bandi.servizirl.it seguendo le istruzioni presenti sul sito.

La procedura è di tipo valutativo a sportello, in base all’ordine cronologico di protocollazione delle domande presentate attraverso la piattaforma regionale Bandi online, sino ad esaurimento delle risorse disponibili. L'assegnazione del contributo è pertanto subordinata alla disponibilità del fondo al momento della richiesta.

Controllo delle domande

La verifica di ammissibilità delle domande prevede una pre-istruttoria effettuata da Regione Lombardia con l’ausilio di controlli automatizzati incrociando banche dati in possesso della Pubblica Amministrazione (INPS e Agenzia delle Entrate), finalizzata alla verifica dei seguenti aspetti: valore ISEE; composizione nucleo familiare; residenza contenuta nell’ISEE; requisiti relativi alla riduzione dell’intensità lavorativa.

La domande, che avranno superato la fase pre-istruttoria, verranno rilasciate agli Ambiti territoriali di competenza per residenza del richiedente, i quali provvederanno al completamento della fase istruttoria, all’ammissione ed alla liquidazione o non ammissione dandone comunicazione attraverso il sistema informatico Bandi Online all’interessato, che riceverà dal sistema una comunicazione a riguardo. Entro 15 giorni dalla data di validazione della domanda l’Ambito competente liquida il contributo al beneficiario in un’unica soluzione attraverso bonifico al conto corrente indicato in fase di presentazione della domanda. A seguito della concessione del contributo non sono previsti ulteriori adempimenti a carico del richiedente.

Le Agenzie di Tutela della Salute Lombarde (ATS) hanno il compito di coordinamento e supporto agli Ambiti territoriali, di trasferimento delle risorse agli stessi e di monitoraggio dell’avanzamento della misura aggiornando costantemente la Direzione Generale competente.

TORNA ALLA HOME