Menu
Cerca

Fogna nel Brembo, Uniacque scagiona il depuratore di Boltiere

Soddisfatta la sindaca Forlani che se la prende con stampa e social network

Fogna nel Brembo, Uniacque scagiona il depuratore di Boltiere
Cronaca 30 Agosto 2017 ore 15:02

Assolto il depuratore di Boltiere dall’accusa di essere il colpevole dello sversamento di sabato pomeriggio.

Melma nel Brembo

Nel tardo pomeriggio di sabato le persone che avevano deciso di trascorrere la giornata sulle sponde del Brembo non erano poche. Sembrava una giornata come tanti finchè, all’improvviso, l’acqua non ha cambiato repentinamente colore. Il letto del fiume si è riempito di una melma fangosa maleodorante. I cittadini, preoccupati e infuriati, hanno subito avvisato il sindaco di Brembate. In molti, disgustati, hanno chiamato il numero per le emergenze ambientali, subissato di segnalazioni.

Uniacque “scagiona” il depuratore di Boltiere

Poche ore fa sono terminati i controlli di Uniacque per determinare la causa dell’evento “Non appena ricevuta la segnalazione i nostri tecnici hanno verificato le condizioni di esercizio del depuratore. Non sono state riscontrate anomalie o disfunzioni. L’effluente finale si presentava normalmente limpido e trasparente. Nella serata di sabato sono proseguiti i controlli nella zona per individuare le cause dello scarico nel fiume. Dai controlli effettuati è emerso che i liquami provenivano dalla fognatura di Brembate. Erano fuoriusciti nel fiume dopo aver parzialmente ostruito il tratto terminale di collegamento della fognatura comunale all’impianto. I nostri tecnici sono intervenuti con una sonda per ripristinare il deflusso della condotta. Il materiale depositato è affluito al depuratore senza pregiudiziare l’effluente”.

Indagini in corso

Ancora da chiarire l’origine dell’immissione. Da Uniacque fanno sapere che domenica mattina sono stati anche prelevati lungo la fognatura del comune di Brembate quattro campioni di fango, che verranno analizzati in laboratorio. Il comune di Brembate, insieme ai tecnici di UniAcque, Arpa, Guardie ecologiche e ai Carabinieri del comando di Brembate stanno eseguendo tutte le verifiche e le indagini del caso per individuare la causa dello sversamento anomalo. I comuni che fanno parte del PLIS del Basso Brembo, il comune di Brembate e il Parco Adda Nord  valuteranno le azioni per tutelare il proprio ambiente e i cittadini che vi abitano.

Le dichiarazioni della sindaca di Boltiere

Soddisfatta dell’esito delle indagini Armida Forlani, che ha tenuto a sottolineare la completa estraneità del depuratore di Boltiere, senza risparmiare una frecciata a stampa e social network. “Il depuratore di Boltiere non ha riscontrato anomalie o disfunzioni. Ricordo che le violazioni  ambientali devono essere segnalate immediatamente al 112. Scarichi anomali nel fiume, rogge o canali, abbandono di rifiuti, fuochi liberi, rumori anomali non sono meno gravi delle violazioni a cose o persone. Purtroppo anche in questo caso i social network e la stampa sono stati più veloci degli enti tenuti alla verifica degli eventi, perdendo tempo prezioso per l’individuazione delle cause”.