Menu
Cerca
Arzago

Finti tecnici dell'acqua in azione, ma la moglie sventa la truffa

Un uomo ha suonato al campanello di un anziano. Entrato lo hanno raggiunto due complici, ma la moglie del padrone di casa, insospettita, li ha messi in fuga.

Finti tecnici dell'acqua in azione, ma la moglie sventa la truffa
Cronaca Gera d'Adda, 11 Maggio 2021 ore 16:23

Finti tecnici dell'acqua tentano un raggiro ai danni di un anziano. E' successo stamattina, martedì 11 maggio, ad Arzago. La prontezza della moglie, trovatasi di fronte tre persone sospette, ha mandato a monte la truffa. La Polizia locale: "Non aprite a sconosciuti, nel caso avvertiteci".

Finti tecnici dell'acqua tentano la truffa

Il "modus operandi" è ormai consolidato. I malviventi si presentano alla porta, soprattutto di persone anziane, fingendosi dei tecnici incaricati dalla società dell'acqua (o del gas) per effettuare la lettura dei contatori. Una volta riusciti a farsi aprire dal malcapitato con la scusa di un guasto, consigliano di mettere in sicurezza gli oggetti di valore nel freezer di casa e poi, una volta distratti i proprietari di casa, se ne impossessano e si danno alla fuga. Lo schema è lo stesso tentato stamattina, poco prima delle 9, da tre malviventi ad Arzago in via Da Palestrina ai danni di un anziano residente.

La moglie interviene e sventa la truffa

L'uomo, quando al campanello ha suonato quello che sembrava un tecnico - al collo aveva un cartellino di riconoscimento, probabilmente falso o falsificato - della società dell'acqua, ha aperto. Insieme a lui, però, sono entrati nell'abitazione altri due complici. E' a quel punto che la moglie, insospettitasi da quello che stava accadendo, si è messa a gridare con i tre ed è riuscita a metterli in fuga. Subito ha allertato la Polizia locale che è intervenuta per raccogliere la testimonianza dei coniugi presi di mira dai truffatori.

"Non aprite agli sconosciuti"

La situazione pandemica da Covid-19 e le restrizioni che, via via, si stanno allentando sono un terreno fertile per i malviventi.

"La loro attività non si è certo fermata e cercano di carpire la fiducia, soprattutto delle persone più anziane con delle scuse per poi derubarli - ha spiegato l'agente Marco Ghislandi che coordina il servizio di Polizia locale tra Arzago, Casirate e Calvenzano -. Il consiglio che diamo a tutti è quello di non aprire a persone sconosciute e sospette che suonano al campanello. Se non si riesce a verificare con la compagnia del gas o dell'acqua, che siano davvero loro incaricati, meglio che chiamino noi o le forze dell'ordine perché la maggior parte delle volte si tratta di malviventi".

La Polizia locale in tarda mattinata ha diramato un avviso sia sul sito internet dei Comuni che sulla sua pagina Facebook chiedendo ai cittadini di Arzago e dei paesi vicini di diffondere il più possibile il messaggio.