Falciato e ucciso a Caravaggio: c’è il sospetto che il pirata della strada fosse ubriaco

Si è presentato spontaneamente in caserma mentre i carabinieri lo andavano a prendere a casa.

Falciato e ucciso a Caravaggio: c’è il sospetto che il pirata della strada fosse ubriaco
Cronaca Treviglio città, 24 Dicembre 2018 ore 15:45

Operaio, sposato, italiano, 44 anni.  E’ un caravaggino incensurato il pirata della strada che ieri ha falciato e ucciso in via Damiano Chiesa a Caravaggio il 70enne Battista Recanati. C’è il sospetto che avesse bevuto, indagini in corso.

Svolta nelle indagini

Stamattina  i carabinieri lo stavano andato a prendere a casa, dopo averlo identificato incrociando i dati delle telecamere con quelli desunti dai frammenti di carrozzeria e di specchietto rimasti sul posto. Ma è stato lui, quasi contemporaneamente, a costituirsi. L’uomo, incensurato, si è presentato spontaneamente in caserma raccontando l’accaduto. Un ravvedimento tardivo che non ha fermato l’arresto: su disposizione del pm di turno Carmen Pugliese è stato ristretto temporaneamente ai domiciliari, in attesa dell’interrogatorio di convalida davanti al Gip del Tribunale di Bergamo, previsto probabilmente per il giorno di Santo Stefano.

Il sospetto: guida in stato di ebbrezza

Nel frattempo gli investigatori dell’Arma stanno proseguendo negli approfondimenti d’indagine necessari a ricostruire l’esatta dinamica dell’evento. Sequestrato il veicolo presentante ancora gli evidenti segni dell’impatto con l’anziana vittima, una Volkswagen Golf di colore bianco. I carabinieri stanno poi anche accertando un eventuale abuso da sostanze psico-attive, alcol nello specifico, da parte del 44enne al momento dell’incidente. Il lavoro degli inquirenti prosegue quindi anche in queste ore.

TORNA ALLA HOME

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli