Menu
Cerca

Etichetta in italiano ritirati in Germania i tortelloni di Giovanni Rana

Il rischio è solo per gli allergici, il prodotto non ha altri problemi qualitativi.

Etichetta in italiano ritirati in Germania i tortelloni di Giovanni Rana
Treviglio città, 29 Marzo 2019 ore 17:22

Etichetta in italiano ritirati in Germania i tortelloni di Giovanni Rana. Il rischio è solo per gli allergici, il prodotto non ha altri problemi qualitativi. La vicenda è stata riportata dal nostro quotidiano on line veronasettegiorni.it

Etichetta in italiano ritirati in Germania i tortelloni di Giovanni Rana

A causa di un errore, sono state distribuite in alcuni punti vendita della Germania delle confezioni di “Tortelloni Pesto di Basilico e Pinoli” a marchio Giovanni Rana senza le diciture obbligatorie in lingua tedesca, tra cui gli allergeni. Il prodotto non ha altri problemi qualitativi. Questo è l’oggetto dell’allerta alimentare proveniente dalla Germania, pubblicata sul sito www.lebensmittelwarnung.de sulla sicurezza alimentare del dicastero della salute tedesco. La segnalazione è stata lanciata dal sistema di allerta rapido per gli alimenti e i mangimi europeo (RASFF) che ha valutato il rischio per la salute serio. I tortelloni sono stati prodotti in Italia nello stabilimento del Pastificio Rana Spa. Nello specifico si tratta delle confezioni da 250 gr dei “Tortelloni Pesto di Basilico e Pinoli” con il numero di lotto L104713 e il termine minimo di conservazione 12-04-2019.

A rischio solo gli intolleranti e gli allergici

Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” avverte che, poiché le istruzioni di utilizzo e conservazione, tra cui gli allergeni, non sono indicate in lingua tedesca, sono a rischio in Germania i soggetti intolleranti in quanto il prodotto si deve considerare per essi dannoso per la salute. Il consumatore allergico, per il quale la presenza in un prodotto di un allergene NON chiaro in etichetta, costituisce un fattore di rischio per la sua salute, così come per tutti i soggetti allergici a quell’allergene, rischio che nei casi più severi può rivelarsi addirittura letale.

TORNA ALLA HOME