Menu
Cerca
Lavoro

Esuberi Unicredit, a Caravaggio chiude la filiale

Annunciata la chiusura di 450 filiali, tra queste anche quella di via Moietta.

Esuberi Unicredit, a Caravaggio chiude la filiale
Cronaca Gera d'Adda, 11 Febbraio 2020 ore 09:43

Sono 6mila gli esuberi previsti da Unicredit tra il 2019 e il 2023 con la conseguente chiusura di 450 filiali. Tra queste anche quella di Caravaggio che si trova in via Moietta. E’ quanto emerge dalla lettera inviata ai sindacati nell’ambito dell’apertura della procedura.

Esuberi Unicredit

In particolare, dei 6mila esuberi annunciati da Unicredit in Italia, 500 sono “eccedenze di capacità produttiva” del piano appena chiuso (Transform 2019), mentre 5.500 riguardano “nuove
eccedenze” legate al nuovo piano Team 23. Per Riccardo Colombani, Segretario Generale FIRST CISL, “la logica di Mustier si conferma orientata esclusivamente alla creazione di valore per gli azionisti. A fronte di 8mila esuberi in Europa occidentale, la maggior parte dei quali concentrati in Italia, cui si accompagnerà la chiusura di 500 sportelli complessivi, il piano prevede che nell’arco di tre anni verranno distribuiti agli azionisti circa 8 miliardi di euro. E’ un colpo durissimo al lavoro ad esclusivo vantaggio del capitale, altro che la responsabilità sociale di cui parla Mustier.”

Chiude la filiale di Caravaggio

Da Bergamo, interviene Giovanni Salvoldi, Segretario Generale FIRST CISL provinciale.

“UniCredit ha informato che procederà, entro marzo 2020, alla chiusura di una sessantina (delle 450 anticipate il 3 dicembre) di agenzie distribuite su tutto il territorio nazionale. Per ora nella Provincia di Bergamo si parla di un solo sportello – Caravaggio -, ma per le successive chiusure bisognerà capire se le stesse possano rappresentare l’abbandono di territori periferici. La trattativa dovrà dunque scongiurare questo rischio, questo anche per salvaguardare il ruolo sociale di una banca al servizio del territorio. Chiederemo con forza che a fronte delle richieste di accesso al Fondo di solidarietà vi sia un importante numero di assunzioni al fine di garantire un adeguato ricambio generazionale”.

TORNA ALLA HOME

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli