Menu
Cerca

Esche avvelenate allarme tra i padroni di cani

Già un animale sarebbe rimasto vittima della trappola

Esche avvelenate allarme tra i padroni di cani
Cronaca 07 Novembre 2017 ore 17:01

Allarme esche avvelenate in paese. Recentemente è apparso un cartello, affisso ad un palo, che avverte la cittadinanza del pericolo.
«Attenzione, trovate esche avvelenate per cani». E i proprietari di quattrozampe a Calcio sono già in allerta.

Esche avvelenate già una vittima

Le esche sono state ritrovate in un parco che si trova lungo via Don Ultimo Mangora, in direzione Pumenengo.
Il fatto sconcertante è che tuttavia già un cane è caduto nella trappola, facendo così una brutta fine. Come attesta il cartello di avvertenza.
Anche un altro animale, sempre un cane, avrebbe ingoiato i bocconcini avvelenati, vomitandoli però subito, riuscendo così a salvarsi.
L’allarme è stato comunque segnalato sulla pagina Facebook «sei di Calcio se…», dove gli internauti, del tutto infuriati e preoccupati, hanno espresso perplessità, chiedendosi come sia possibile adottare questi mezzi, ma soprattutto per quale motivo  lo si farebbe.

La locale controlla, ma non trova nulla

Tuttavia la situazione parrebbe essere sotto controllo. O comunque per ora delle esche non c’è più alcuna traccia.
Sabato pomeriggio, mentre l’associazione del Gelso stava piantando degli alberi proprio nel parco in questione, la Polizia locale ha colto l’occasione di fare un pattugliamento. Da quanto emerso sembrerebbe che delle esche non ci sia più alcuna traccia.
Resta quindi da capire se chi ha affisso il cartello, presumibilmente qualche animalista del paese o comunque qualcuno sensibile agli animali, abbia deciso di scrivere quel messaggio come monito per eventuali scherzi futuri. Il tutto non sarebbe nato da un semplice capriccio, ma a quanto pare un cane era stato male nella zona e si è temuto subito il peggio.

Ma i padroni non si fidano

Per ora questo sono solo ipotesi, nessuno sa con certezza se il problema c’è stato oppure no. Di certo ciò che si sa è che, pattugliata l’area, la zona per ora è sprovvista di queste «trappole» per i migliori amici dell’uomo. La tensione in paese resta tuttavia alta e in molti diffidano a portare il cane a passeggio nel parco in via Don Ultimo Mangora. La Polizia locale ha comunque assicurato che non si abbasserà la guardia e che  la zona resta monitorata.