Menu
Cerca

Eredità Nicoli all'atto finale

Il Comune di Fornovo è erede universale del patrimonio del commercialista ed ex sindaco. A fine mese il primo cittadino Gian Carlo Piana firmerà l'atto di successione.

Eredità Nicoli all'atto finale
Treviglio città, 25 Maggio 2018 ore 10:19

L'iter per l'accettazione dell'eredità Nicoli sta giungendo all'atto finale. A fine mese il sindaco Piana, a nome del Comune di Fornovo, firmerà l'atto di successione e il patrimonio dell'ex sindaco andrà all'Ente, come da volontà testamentarie del defunto

L'eredità Nicoli all'erede universale

Carlo Nicoli, commercialista ed ex sindaco di Fornovo negli anni ‘70 - scomparso il 30 dicembre 2016 - ha lasciato in eredità al Comune il suo patrimonio, nominando l'Ente suo "erede universale" nel testamento olografo. L'iter dell'accettazione, trascorsi sei mesi per l'inventario dei beni, mobili e immobili, è giunto al termine. A fine mese il sindaco Gian Carlo Piana firmerà davanti al notaio l'atto di successione.

Un patrimonio di oltre un milione di euro

Il sindaco Gian Carlo Piana

La cifra esatta del monte successorio la si conoscerà solo alla stipula dell'atto notarile. "Stiamo parlando di una cifra che supera il milione di euro, di quanto lo sapremo solo alla stipula dell'atto - ha spiegato il primo cittadino -. La complessità dell’eredità è data dalla composizione dei cespiti tra beni immobili e beni mobili che facevano parte del patrimonio del defunto". Un patrimonio che, per una migliore gestione da parte dell'Ente, ha spinto l'Amministrazione di Fornovo ad affidarsi ad una società di consulenza specializzata.

Una consulenza a 360 gradi

Per gestire al meglio l'eredità Nicoli il Comune ha deciso di affidarsi ad una società specializzata, la "RD Servizi e Consulenze" di Costa Volpino. "In questo periodo non possiamo lasciare nulla al caso - ha proseguito il sindaco Piana -. Ci sono aspetti bancari, oltre che amministrativi e fiscali, ed è importante per il nostro Ente avere un appoggio che ci indirizzi e ci consenta di predisporre tutti gli atti necessari alla gestione dell’eredità".

Maggiori dettagli sul Giornale di Treviglio in edicola da oggi, venerdì 25 maggio.

TORNA ALLA HOME