Epatite A a scuola, scatta la profilassi

Due bambini, uno della primaria e uno della secondaria, sono risultati infetti. Stamattina la vaccinazione per compagni e docenti.

Epatite A a scuola, scatta la profilassi
Treviglio città, 19 Ottobre 2018 ore 10:29

Epatite A, due casi alla scuola primaria e alla secondaria di Pagazzano (che si trovano nello stesso stabile). E l’Ats di Bergamo fa scattare la profilassi.

Epatite A

Dopo che sono emersi i due casi di epatite A, l’Ats di Bergamo ha subito avviato un’indagine epidemiologica e ha messo in campo tutti gli strumenti per prevenire la diffusione della malattia. In particolare, già stamattina si è proceduto con la vaccinazione dei compagni di scuola dei due bambini, oltre che famigliari, insegnanti e personale scolastico.

Stessa famiglia

I due alunni malati di epatite A è emerso che fanno parte della stessa famiglia e probabilmente sono stati contagiati durante un viaggio all’estero. Oltre all’azione di prevenzione, stamattina si terrà anche un incontro tra gli esperti dell’Ats e i genitori dei bambini e dei ragazzi che frequentano le due scuole. L’obiettivo è spiegare la situazione e informare sulla procedura che verrà seguita. L’Ats ha comunque comunicato che non c’è alcun allarmismo.

Il sindaco

“Si è trattato di due casi dove sono state coinvolte due persone dello stesso nucleo familiare – ha spiegato il sindaco di Pagazzano Raffaele Moriggi – l’infezione è stata causata da un viaggio compiuto all’estero. Il contagio non è avvenuto né a casa, né a scuola, ma altrove. Per precauzione è stato deciso con l’Ats di vaccinare tutti i ragazzi a tappeto, insieme agli insegnanti e al personale che lavora nell’istituto. Sono stato informato dall’Ats martedì e in 3 giorni l’ente si è mosso tempestivamente. Faccio a loro i miei sentiti complimenti. Vorrei rassicurare la cittadinanza ricordando che la situazione è sotto controllo e che non c’è pericolo alcuno per i bambini”.

TORNA ALLA HOME

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia