Due nuovi pozzi per combattere la siccità

I due nuovi pozzi verranno realizzati ad est di Misano. Serviranno a garantire l'approvvigionamento idrico per i terreni coltivati a sud del paese.

Due nuovi pozzi per combattere la siccità
Treviglio città, 24 Dicembre 2017 ore 14:03

I due nuovi pozzi verranno realizzati ad est di Misano. Serviranno a garantire l'approvvigionamento idrico per i terreni coltivati a sud del paese.

Due nuovi pozzi contro il rischio siccità

Buone notizie per gli agricoltori di Misano e non e per le loro colture nei terreni a sud del paese. Il rischio siccità e la difficoltà di approvvigionamento idrico per irrigare i campi, durante le estati torride e poco piovose, sarà scongiurato con la realizzazione di due nuovi pozzi. Il "Pozzo Misano" sorgerà su un terreno comunale in via Padre Anelli, mentre più a est del territorio misanese (al confine con Caravaggio e Capralba) sorgerà il "Pozzo Basso" che garantiranno una portata massima di 500 litri al secondo. Inoltre, verrà potenziata la portata d'acqua, da 80 a 300 l/s massimi, sul pozzo "Babbiona" di Calvenzano.

Un progetto da 670mila euro

L'avvio dei lavori per i due nuovi pozzi sarà l'8 gennaio. Si chiude così un lungo iter autorizzativo iniziato a dicembre 2016 con la richiesta, avanzata dagli agricoltori con il sostegno del Comune di Misano, depositata in Provincia. Parere positivo alla realizzazione è arrivata a marzo nella Conferenza dei Servizi alla quale hanno partecipato diversi enti: Regione, Provincia, Comune di Misano, Consorzio di bonifica della Media pianura bergamasca (ente appaltatore dell'opera) e Ats. I lavori sono stati messi a gara e assegnati a fine novembre alla ditta "Sina Delfino e figli" di Zone (Bs).

Soddisfatt il sindaco Pirovano

"Sapevamo che i tempi tecnici e burocratici, per i rilievi e i permessi, erano stretti quest'anno e si sarebbe arrivati alla realizzazione dei due nuovi pozzi per il nuovo anno - ha commentato, soddisfatta, il sindaco Daisy Pirovano -. Oggi sono contenta perché, grazie ad un lavoro congiunto con gli agricoltori, che ci avevano spiegato i problemi di approvvigionamento che da anni avevano, agli incontri fatti con il Consorzio e gli altri enti interessati, siamo arrivati alla realizzazione di questa importante opera per il nostro territorio. Opera che consentirà, già dalla primavera, agli agricoltori di non avere più problemi per l'irrigazione dei terreni".