Cronaca
Verdellino

Dottoressa aggredita in ambulatorio: "Non abbandonerò i miei pazienti"

Svetlana Sirbu, medico di base di 53 anni, racconta la disavventura che l'ha vista protagonista mercoledì scorso nell'ambulatorio di via IV Novembre.

Dottoressa aggredita in ambulatorio: "Non abbandonerò i miei pazienti"
Cronaca Media pianura, 24 Gennaio 2023 ore 16:45

"Ho provato una paura che non so spiegare, ma non lascerò il mio lavoro, i miei pazienti hanno bisogno di me". Ha la voce ancora rotta dall’emozione, la dottoressa Svetlana Sirbu, mentre racconta la brutta avventura che l’ha vista protagonista suo malgrado mercoledì della scorsa settimana mentre sostituiva un collega nell’ambulatorio di via IV Novembre a Verdellino.

Dottoressa aggredita in ambulatorio

Mancavano pochi minuti alla chiusura dello studio quando un uomo, italiano di 60 anni, si è presentato davanti all’ambulatorio urlando come un folle.
"So che sei qui, vieni fuori", ha sbraitato attirando l’attenzione della dottoressa che, per ragioni di sicurezza, chiude la porta dello studio a chiave tra la visita di un paziente e il successivo.

"Erano le 12.25, stavo per chiudere quando ho sentito quest’uomo urlare - ha raccontato la 53enne, di origine moldava e in Italia dal 2006 - Ho pensato avesse bisogno di aiuto e ho aperto la porta, ma subito dopo l’ho avuto addosso".

Violenza inaudita senza motivo

L'ha colpita con calci e pugni, lanciandole addosso anche il pc e una sedia quando lei ha afferrato il telefono per chiamare i carabinieri.
E così com’era entrato è fuggito. Prima di recarsi in Pronto soccorso - dove ha ricevuto una prognosi di sette giorni - e poi in Tenenza a Zingonia per la denuncia, però, si è presentata puntale alle 13 al suo ambulatorio di Ciserano dove l'attendevano i suoi assistiti.

"Negli ultimi tempi i pazienti sono più incattiviti e capita che qualcuno alzi un po’ la voce - ha commentato - ma una cosa del genere non me l’aspettavo. E’ assurdo. Mi ha minacciato e aggredito senza motivo e la paura c’è ancora. Devo dire, però, che con i miei pazienti non avevo mai avuto grandi problemi e anzi, in questo brutto momento, mi sono stati vicino con tanti messaggi e dimostrazioni di stima e affetto e li ringrazio molto".

Il sindaco: "Ha tutta la nostra solidarietà"

Solidarietà è stata espressa anche dal sindaco di Verdellino Silvano Zanoli.

"Un abbraccio e solidarietà da parte mia e di tutti i cittadini di Verdellino - ha scritto sulla sua pagina Facebook - La sua umanità e la vicinanza di tanti suoi pazienti le daranno la forza e la determinazione per andare avanti nei quotidiani impegni volti alla salute pubblica. Grazie ancora di cuore per il suo prezioso lavoro. Auspico nel contempo un giusto provvedimento per il responsabile dell'accaduto e che non si verifichino più comportamenti di tale violenza nei confronti di chi è al servizio dei cittadini".

Leggi di più sul Giornale di Treviglio in edicola venerdì 27 gennaio.

Seguici sui nostri canali