Il dottor Boccia va in pensione e ringrazia i suoi pazienti

Dopo 23 anni di servizio il dottor Giuseppe Boccia, prima insegnante presso le scuole medie di Bariano, è andato in pensione per sopraggiunti limiti d'età.

Il dottor Boccia va in pensione e ringrazia i suoi pazienti
Treviglio città, 03 Dicembre 2017 ore 11:26

Giuseppe Boccia è andato in pensione. O meglio, è stato praticamente costretto a cessare l’attività di medico per sopraggiunti limiti di età. Lo storico dottore morenghese, che ha esercitato per 23 anni la professione di medico di base a Bariano e Morengo, ha infatti compiuto 70 anni lo scorso 21 novembre, giorno nel quale ha dovuto dire addio alla professione di medico.

Un passato da insegnante

Il dottor Boccia era molto conosciuto e ben voluto a Bariano, dove prima di diventare medico era stato anche insegnante: «La mia prima laurea è stata quella in Lettere nel ‘71 – ha spiegato – Sono diventato insegnante e ho insegnato italiano alle medie per diversi anni. Nel 1994, però, siccome è andato via il medico che c’era qui mi hanno chiamato e ho preso l’occasione. Mi ero infatti laureato in Medicina nel 1983. Dal ’94, dunque, ho esercitato la professione ininterrottamente fino al 21 novembre scorso, giorno del mio 70esimo compleanno».

Gli studi e le lauree

È un uomo amante della cultura, Giuseppe, plurilaureato con ottimi risultati: dopo le lauree in Lettere e Medicina, infatti, si è concesso nel 1987 una terza laurea in Scienze Naturali, concludendo il proprio percorso con la specializzazione in Medicina Legale nel 1990: «Ho seguito questo percorso per ragioni particolari – ha dichiarato – ma non lo consiglio. È giusto che ciascuno si prenda una laurea sola e si specializzi nel proprio campo».

Il saluto ai pazienti

Dal 21 novembre, dunque, a Bariano e Morengo è operativo un nuovo medico, la dottoressa Maria Grazia Amato, per il momento provvisoria in attesa di trovare l’incaricato alla sostituzione del dottor Boccia.
Dottor Boccia che, finalmente, si gode i frutti del proprio impegno e le numerose dimostrazioni d’affetto dei suoi pazienti: «Vorrei ringraziare tutti i miei pazienti – ha affermato – Molti di loro si sono espressi con delle lodi in mio favore anche sui social networks, e ne sono felice. Il rapporto è sempre stato ottimo, anche per merito loro, sono brava gente e si è instaurato tra noi un ottimo rapporto. Ho potuto così svolgere il mio incarico sempre in grande amicizia, ringrazio tutti per le manifestazioni d’affetto».