Rinuncia al mensile si mette al volante: don Massimo diventa un prete-autista

Guiderà i pullman per una ditta di trasporti per i prossimi tre anni.

Rinuncia al mensile si mette al volante: don Massimo diventa un prete-autista
Cremasco, 09 Settembre 2018 ore 18:00

Don Massimo Cortellazzi diventa un prete-operaio. Anzi: un prete-autista. Ha rinunciato allo “stipendio” da prete, il mensile corrisposto dall’ Istituto centrale per il sostentamento del Clero della Cei,  e si è messo al volante per conto di un’azienda che fa autotrasporti.

Don Massimo Cortellazzi al lavoro

Una scelta di vita decisamente radicale quella del collaboratore pastorale di Soncino, Isengo e Casaletto di Sopra. Ce non ha mancato di suscitare qualche perplessità. Il sacerdote ha infatti rinunciato  al proprio mensile ed è stato assunto regolarmente da un’agenzia di autotrasporto di Manerbio (Bs). Guiderà i pullman verso destinazioni di tutta Europa. Ma non lascerà l’abito talare. “Voglio fare un’esperienza diversa” ha raccontato in un’intervista a Cremascoweek. Ma se la scelta di diventare un “prete-operaio” è stata bene accolta dai suoi colleghi, alcuni parrocchiani hanno storto il naso. “Non cambierà nulla” assicura lui. E invece…

Leggi di più su Cremascoweek in edicola.

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia