Don Enrico Bastia se ne va dall'oratorio: "Sono un prete contento"

Il religioso ha organizzato musical e graffiti per abbellire il centro giovanile. Il 10 settembre una festa per salutarlo

Don Enrico Bastia se ne va dall'oratorio: "Sono un prete contento"
Cronaca 17 Agosto 2017 ore 10:01

Dopo otto anni nella parrocchia di Spino d'Adda, il vescovo della diocesi di Lodi ha deciso di assegnargli un incarico in tre parrocchie del lodigiano più l'incarico di continuare a seguire i giovani del territorio.

Don Enrico Bastia se ne va dall'oratorio, ma rimane un "prete contento"

Don Enrico Bastia lascerà l'oratorio di Spino a settembre, dopo otto anni. «Ho fiducia e fede, l’amore vince su tutto e io sono un prete contento». Il vicario don Enrico Bastia verrà trasferito il 10 settembre nel lodigiano e dopo otto anni nella parrocchia di Spino d’Adda, sarà dura per lui e per tutti i suoi fedeli fare i conti con la sua assenza. Già perché secondo gli spinesi, un prete così, come lui, non si era mai visto. In otto anni ha rivoluzionato completamente la vita del «San Luigi» riuscendo ad aggregare in un unico posto, giovani, tantissimi, e comunità diverse, comprese le religioni. Bastia, 35 anni, di Sant’Angelo Lodigiano, è stato ordinato prete a giugno del 2009 e a settembre dello stesso anno gli è stato chiesto di andare a Spino d’Adda per iniziare il suo percorso da religioso.

L'oratorio è la sua casa

"Spino è un paese dove mi sono trovato subito bene, subito a casa - ha raccontato - Devo ammettere che sarà difficile lasciare dopo così tanto tempo e così tante avventure che ho vissuto qui. Dopo anni appunto, il vescovo di Lodi, la nostra diocesi, mi ha chiesto di continuare il mio incarico come direttore pastorale giovanile e gli incontri vocazionali, più occuparmi delle attività giovanili, più aiutare tre parrocchie come quella di Somalia, San Martino Pizzolano e Mirabello, che sono vicino a Casal Pusterlengo. Un bel cambiamento e soprattutto un aumento di responsabilità. Ogni volta che penso a casa mia penso a questo oratorio".

Il 10 settembre la festa per salutarlo

Il saluto di don Enrico è stato fissato per domenica 10 settembre, durante la «settimana dell’oratorio». La messa alle 10, a seguire il rinfresco, pranzo e pomeriggio di giochi e sorprese.