Cronaca
Orio al Serio

Disabile lasciata a terra da Ryanair a Orio: la denuncia arriva fino all'Europarlamento

"Circostanze inaccettabili per le esigenze di una persona disabile": l'europarlamentare Marco Campomenosi chiede lumi sulla vicenda avvenuta a Orio

Disabile lasciata a terra da Ryanair a Orio: la denuncia arriva fino all'Europarlamento
Cronaca Bergamo e hinterland, 10 Dicembre 2022 ore 13:55

Disabile lasciata a terra da Ryanair: la denuncia arriva fino all'Europarlamento. "Circostanze inaccettabili per le esigenze di una persona disabile": sono  le parole di Marco Campomenosi, europarlamentare leghista membro della Commissione per i Trasporti e il turismo, in relazione alla vicenda raccontata sui social da Valeria Roberta Vetrano, che lunedì scorso, il 5 dicembre, all'aeroporto di Orio al Serio, è stata trattata in modo perlomeno surreale. La compagnia non aveva voluto procedere all'imbarco della carrozzina elettrica della signora.

Tutto è cominciato con una denuncia sui social dell'interessata

Questa la vicenda raccontata nel post di Vetrano, lunedì.

"Siamo arrivati a questo: i disabili non possono volare! Mi presento al check-in per andare a Bordeaux e godermi il ponte in compagnia della mia cara amica e del suo micione... e dopo mille viaggi in giro per il mondo, di cui tanti con questa compagnia aerea inqualificabile (ora lo posso dire) mi viene detto che la batteria della mia "Ferrari", che ha il voltaggio ammesso, non può essere portata in volo, perché ha uno sticker con scritto e-bike... e sorpresa! Dopo tanti anni e tanti viaggi... non si vola! Volo perso, e ovviamente non posso prendere i prossimi. Il responsabile, (numero 230) non si palesa. Mi viene detto che la batteria non è originale… sostengono che avrei assemblato il mezzo (eh?!?). A questo punto presento la certificazione del costruttore. Niente da fare. Mi dicono di lasciare la parte motorizzata a terra (chiamata Stricker), se voglio partire (nota per il lettore: questi mezzi non funzionano come carrozzine manuali se si stacca la parte anteriore), insomma Ryanair ha la soluzione per tutto: lascia la carrozzina, vai a piedi! Che buona idea!!! Perché non ci ho pensato prima?!? In tutto ciò l’assistenza disabili sparisce dopo dieci minuti e mi lascia appesa. Che dire, quella che è sempre stata una bella routine, viaggiare, vedere i miei amici, è diventata un'impresa inaccessibile per me (grazie Ryanair). Quello che penso di Ryanair, e del responsabile che neanche ha voluto mostrare il suo volto, non lo posso scrivere qui. Voglio solo dire che non ha a che fare con qualità come umanità, decenza, civiltà".

L'intervento dell'europarlamentare

Campomenosi ha firmato un’interrogazione in cui si parla di

"inadeguata assistenza da parte della compagnia, che ha negato l’imbarco alla donna, con nessuna proposta alternativa di volo in tempi brevi formulata, né alcun’altra forma adeguata di tutela della sua persona o della prenotazione effettuata".

Con lui, hanno firmato anche gli europarlamentari Lega Elena Lizzi, Annalisa Tardino, Paolo Borchia, Simona Baldassarre, Paola Ghidoni, Antonio Maria Rinaldi, Stefania Zambelli, Massimo Casanova.

Il problema? La potenza della carrozzina

La vicenda, ricostruisce PrimaBergamo, ha visto anche l'intervento di Sacbo che ha cercato di fare chiarezza con una ricostruzione dei fatti che sottolineava come la documentazione presentata dalla signora sulla potenza del motore della sua carrozzina fosse discordante, è quindi atterrata in Europa e, dopo l'intervento anche del presidente di Enac(Ente Nazionale per l'Aviazione Civile) Pierluigi Palma, l'attenzione sul caso continua a restare alta in attesa di nuove risposte e delucidazioni.

 

Foto da Instagram

Seguici sui nostri canali