Cronaca
Incidente

Decine di migliaia di pastiglie per lavastoviglie bloccano da ore la Bergamina

L'autotrasportatore ha sterzato uscendo fuori strada per evitare un frontale.

Decine di migliaia di pastiglie per lavastoviglie bloccano da ore la Bergamina
Cronaca Cremasco, 25 Ottobre 2022 ore 12:27

Un Tir ribaltatosi questa notte sulla ex Statale Bergamina, tra Agnadello e Pandino, ha bloccato per ore il traffico su una delle arterie principali dell'Alto Cremasco. Trasportava tonnellate di pastiglie per lavastoviglie, molte delle quali sono finite sulla carreggiata e in un campo adiacente.

Rimorchio si ribalta per strada tra Agnadello e Pandino

WhatsApp Image 2022-10-25 at 12.02.23
Foto 1 di 5
WhatsApp Image 2022-10-25 at 12.02.22
Foto 2 di 5
WhatsApp Image 2022-10-25 at 12.02.21
Foto 3 di 5
WhatsApp Image 2022-10-25 at 12.02.20
Foto 4 di 5
WhatsApp Image 2022-10-25 at 12.02.13
Foto 5 di 5

Il camionista ha sterzato per evitare un frontale

L'incidente è avvenuto attorno alle 3 di questa notte, martedì 25 ottobre 2022,  sulla ex Sp472. Il conducente del Tir è un autotrasportatore romeno di 32 anni, che era diretto a sud, poco dopo essere uscito dalla logistica "Stock-house" di Agnadello. All'altezza dell'incrocio che conduce a Gradella, in territorio di Pandino, ha incrociato un'automobile che proveniva dal senso opposto di marcia.

"Distratto dal cellulare stava per invadere la mia corsia e, per evitare l'impatto frontale, non ho potuto fare altro che suonare il clacson e poi sterzare a destra, ma la banchina ha ceduto. Ho tenuto la motrice, ma il rimorchio si è sbilanciato e si è ribaltato" ha raccontato l'uomo.

 

Strada chiusa per molte ore

Non ci sono stati feriti, ma le conseguenze dell'incidente hanno bloccato la strada per ore. Sul posto si è precipitata la Polizia Stradale di Pizzighettone, poi qualla di Crema, i carabinieri e i Vigili del fuoco di Crema, a rimuovere il mezzo il soccorso stradale Scaramuzza.  È stato accertato che il conducente del Tir aveva dormito le ore necessarie, e che il trasporto era perfettamente regolare.

La strada stretta e l'autovelox che "miete" migliaia di vittime

Tra le concause dell'incidente, oltre probabilmente alla fatalità, c'è però probabilmente anche la condizione della strada stessa, che da un lato è costeggiata da una roggia e dall'altro da un campo. La carreggiata - battutissima - è estremamente stretta, se raffrontata ad altre di più recente realizzazione. Per rallentare il traffico, proprio in quel punto la provincia di Cremona ha installato recentemente anche un autovelox, che sta "mietendo" migliaia di vittime tra gli automobilisti, riducendo tuttavia soltanto in parte il problema della pericolosità della strada.

Strada ancora chiusa

Sono ancora in corso le operazioni per rimuovere il carico dalla strada, e poi rimetterla in sicurezza.

Seguono aggiornamenti

La strada è stata riaperta nel tardo pomeriggio.

Seguici sui nostri canali