Cresce il centro cicogne del Parco del Serio

La struttura nel Parco del Serio si amplia grazie al contributo Brebemi

Cresce il centro cicogne del Parco del Serio
Romanese, 22 Ottobre 2019 ore 18:22

Cresce il centro cicogne del parco del Serio. Grazie a un contributo di Brebemi la struttura potrá essere ulteriormente ampliata.

Cos’é il centro cicogne 


Nel corso degli ultimi 20 anni nelle aree protette della Regione Lombardia sono stati realizzati diversi centri di ambientamento della Cicogna bianca con lo scopo di reintrodurre le cicogne nella nostra Regione.
Il centro di ambientamento cicogne  “Antico fosso bergamasco” è stato realizzato a Romano di Lombardia a sud dell’abitato in un’area prossima al corso del fiume Serio in località Cascina Naviglio. L’area, di proprietà del Comune di Romano di Lombardia è gestita da un’azienda agricola eospita al proprio interno oltre a una voliera, una zona umida, aree boscate, filari di piante da frutto e aree agricole con diverse colture. Questa diversificazione di ambienti rende il sito adatto ad ospitare animali e piante che arricchisco la biodiversità locale.

I risultati dei primi due anni

In particolare la voliera attualmente presente è stata realizzata grazie al contributo della Società BreBeMI nell’ambito delle misure di compensazione ambientali derivanti dalla costruzione del nuovo asse autostradale con l’obiettivo di  rilasciare in natura cicogne nate in voliera e incrementare così la popolazione selvatica. Nel corso del 2019 sono state liberate le prime due cicogne mentre in voliera ne sono nate altrettante.

Nel frattempo anche una coppia di cicogne selvatiche ha realizzato nel 2019 un proprio nido all’esterno della voliera sebbene la nidificazione non sia andata a buon fine a causa probabilmente delle rigide temperature del mese di maggio.

Cresce il centro cicogne grazie al contributo Brebemi

A fronte di un nuovo contributo pari a € 218.000 da parte della Società BreBeMi è ora possibile realizzare due nuove azioni, la prima avrà un budget pari a € 154.000 e  prevede opere di consolidamento spondale del fiume Serio in aree limitrofe all’asse autostradale in comune di Romano di Lombardia. La seconda azione mira a migliorare la gestione del centro cicogne grazie alla disponibilità di € 64.000.  

In particolare si prevedono opere mirate alla messa in sicurezza della voliera esistente che pot accogliere sui pali d’angolo nuovi nidi di cicogne selvatiche, ben più pesanti di quelli costruiti dalle cicogne in cattività, perché arricchiti con terra. Si rende necessario quindi procedere a un rinforzo delle fondazioni dei pali esistenti. Inoltre la maglia delle reti sarà sostituita utilizzando una maglia più larga al fine di evitare un pericolo di sovraccarico delle strutture in caso di nevicate.

Più a est sarà creata una nuova voliera rettangolare (10 per 15 metri)  in continuità a quella oggi esistente. All'interno della voliera saranno posizionati 2 trespoli costituiti da pali di legno alti 3 m con un graticcio di ferro fissato sulla sommità per il supporto dei nidi. Tra i pali-posatoio troverà spazio un piccolo scavo similare (2m x 3m, profondo circa 50 cm) con un telo impermeabile sul fondo con il quale formazione una piccola pozza d’acqua.

Infine il contributo servirà per l’alimentazione delle cicogne in voliera per i prossimi 5 anni.

“La cicogna é un simbolo del nostro parco”

Così il Presidente del Parco del Serio Dimitri Donati:

"E’ in corso la procedura per l’assegnazione dei lavori di ampliamento del centro cicogne. Le opere saranno realizzate già nel corso di questo autunno – inverno in modo tale da non disturbare le cicogne presenti durante il periodo dell’inizio della primavera nel quale comincia un nuovo ciclo riproduttivo.  La cicogna non è solo una specie da salvaguardare ma è anche per il Parco del Serio e tutti i suoi visitatori, un simbolo, segno tangibile di una Natura che torna e di una nuova consapevolezza dell’uomo che prova a prendersi cura di tutte le creature con le quali interagisce”.

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter