Menu
Cerca
Covid-19

Covid-19, (forse) siamo al picco della terza ondata: la crescita rallenta - i dati COMUNE per COMUNE

La curva sale ancora, sì, ma sale più lentamente. Antegnate tra i Comuni più colpiti.

Covid-19, (forse) siamo al picco della terza ondata: la crescita rallenta - i dati COMUNE per COMUNE
Cronaca Treviglio città, 17 Marzo 2021 ore 20:22

La curva sale ancora, sì, ma sale più lentamente. Sono "timide" buone notizie quelle che arrivano oggi, mercoledì 17 marzo, dal report settimanale dell'Ats di Bergamo sui nuovi contagi da Covid-19 in provincia. I dati sono relativi alla settimana  che va dal 10 marzo a ieri,  16 marzo 2021.

Covid-19, i dati della settimana in Bergamasca

Negli ultimi sette giorni, il numero dei contagi rilevati nei 243 Comuni della provincia è stato di 2262, contro i 2237 della settimana precedente. Un incremento di "soli" 25 nuovi casi, pari all'1%, che invece era stato del 33% la settimana precedente.

"L'inizio del rallentamento della curva"

"Ciò potrebbe rappresentare un segnale iniziale, ancorché timido, di un iniziale rallentamento dell’incremento della curva epidemica" spiegano Alberto Zucchi, Elvira Beato e Roberta Ciampichini del Servizio Epidemiologico Aziendale di Ats.
Ma rallentamento della crescita non significa calo: aumentando i nuovi casi, aumenta anche la media giornaliera, pari a 323 (301 la settimana precedente) e sale anche l'incidenza dei nuovi casi sulla popolazione: dai 190 casi della scorsa settimana, a 197 per 100mila abitanti. Leggermente diverso, il calcolo effettuato QUI da Paolo Spada, medico dell'Humanitas Rozzano.

"Le aree critiche sono rappresentate tuttora dagli Ambiti confinanti con la provincia di Brescia e con quella di Cremona" spiega ancora Ats.

Tra i Comuni bergamaschi più colpiti ci sono tre Comuni del cordone sanitario dell'Oglio: Antegnate (24 nuovi casi, pari a 7,1 per 1000 abitanti), Pumenengo (12 casi incidenti, 7,0 per 1.000) e Palosco (34 casi, tasso 5,7).

I nuovi contagi per Comune

10 foto Sfoglia la gallery

Nelle slides, i nuovi casi Comune per Comune nella provincia di Bergamo. In rosso i Comuni in peggioramento rispetto alla settimana precedente, in blu quelli in miglioramento.

L'andamento da novembre a marzo

Nell'animazione si mostra invece l'andamento dell'incidenza dei nuovi casi, Comune per Comune, da novembre a oggi: si nota bene l'inizio e la fine della seconda ondata, che aveva colpito soprattutto la Bassa occidentale, e poi il ritorno dei contagi lungo il confine est con il Bresciano, nella terza ondata ancora in corso e, si spera, arrivata al suo culmine. Clicca su play.

Le vaccinazioni funzionano: lo mostrano i dati

Un'altra (piccola) buona notizia, viene però dall'interno dei 15 Comuni del cordone sanitario inseriti anticipatamente nel percorso di vaccinazione per gli over60. Otto di questi presentano un decremento della curva: Villongo crolla, con -30 nuovi casi, migliora di molto anche Calcio (-16), Sarnico (-13), Telgate (-10), Credaro (-5), Tavernola (-4), Cividate al Piano -1, e Gandosso (-1).

Dieci Comuni su 15, però, continuano a mostrare un tasso di incidenza cumulativa negli ultimi 7 giorni superiore a 2,5 per 1.000 abitanti (250 per 100.000, la soglia considerata "critica"). Mentre scende, di nuovo, il numero di Comuni senza nuovi contagi. Nella Bassa, come del restto settimana scorsa, non ce n'è più nemmeno uno.

"Ciò ci porta nuovamente a ribadire l'importanza di mantenere elevata l'attenzione su tutto il territorio, in particolare sulle aree in cui singoli comuni presentano nuovi focolai - conclude Ats - Desideriamo pertanto rinforzare nuovamente il messaggio relativo alla necessità di rispettare -e far rispettare rigorosamente tutte le norme previste, in particolare sul distanziamento sociale e sull'utilizzo dei mezzi di protezione individuale (mascherina chirurgica -evitando se possibile quelle di stoffa non certificate-, lavaggio delle mani), in famiglia e nelle situazioni extra-famigliari, in particolare per quanto è correlabile ai trasporti pubblici ed alla quota di attività didattiche in presenza, nonché ad altre situazioni in cui aumenta il rischio di contagio".

 

Leggi di più sul Giornale di Treviglio/RomanoWeek in edicola da venerdì 19 marzo

TORNA ALLA HOME