Cronaca

Corsa contro il tempo per rifare via Spartaco e via Bolagnos, finanziamento regionale a rischio

Se il cantiere non dovesse aprire per tempo andrà perso il mezzo milione di euro erogato dal Pirellone.

Corsa contro il tempo per rifare via Spartaco e via Bolagnos, finanziamento regionale a rischio
Cronaca Gera d'Adda, 29 Settembre 2020 ore 17:16

Una vera propria corsa contro il tempo per avviare i lavori in via Spartaco a Caravaggio e via Bolagnos a Vidalengo, pena la perdita del mezzo milione di euro erogato da Regione Lombardia.

Corsa contro il tempo per il via ai lavori

«Se i lavori non partiranno entro la metà di ottobre - ha detto il sindaco Claudio Bolandrini - dovremo rinunciare ai fondi che ci sono stati concessi da Regione Lombardia. Gli uffici preposti sono stati oberati di lavoro nelle ultime settimane: da una parte lo smart working e dall’altra l’intasamento degli uffici comunali per tutte le misure anticovid soprattutto con la ripresa delle scuole non ci hanno certo aiutato. Ma i progetti ora sono pronti, si tratta solo di correre per far partire i lavori».

A rischio i fondi regionali

«Abbiamo scelto questi due interventi - ha spiegato il sindaco - sia per le tempistiche ridotte concesse per la realizzazione dei progetti, l’appalto dei lavori e la cantierizzazione dei lavori e l’acquisizione di autorizzazioni, sia per la necessità di procedere alla messa in sicurezza della viabilità cittadina in coerenza con il Pums».

Via Bolagnos

L’intervento su via Bolagnos era stato richiesto alla fine dell’anno scorso dal consiglio di frazione di Vidalengo, che aveva sottolineato lo stato di estrema usura del manto stradale che in qualche caso ha anche causato danni alle automobili. I lavori erano stati rimandati non solo per una questione economica ma anche perché sulla strada c’erano ancora da realizzare i sottoservizi a carico di Cogeide e Unigas. Ora che i sottoservizi sono stati completati il Comune provvederà al rifacimento dell’asfaltatura e dell’illuminazione pubblica per un importo di circa 200mila euro.

Via Spartaco

Il progetto di via Spartaco è invece più articolato e prevede il restringimento al minimo della carreggiata con la creazione di un varco che consentirà non solo la diminuzione della velocità dei veicoli in transito ma anche la realizzazione sul lato sinistro della strada di parcheggi da 5 metri di lunghezza. Si procederà quindi con il trattamento della carreggiata in corrispondenza delle intersezioni con la circonvallazione interna e con la via Oberdan con asfalto stampato e con il rifacimento del marciapiede sul lato sinistro. Questo sarà ampliato e, in corrispondenza delle intersezioni, si provvederà a realizzare delle vere e proprie aree «salotti», con tanto di piccoli giardini.

Nuovi alberi

Infine saranno abbattuti gli alberi esistenti, le cui radici hanno gravemente danneggiato il manto stradale causando anche incidenti stradali dalle tragiche conseguenze, soprattutto per i motociclisti. Gli alberi abbattuti saranno sostituiti con la messa a dimora di 12 nuovi esemplari arborei. Si tratterà di Pyrus calleryana «Chanticleer», alberi dalla fioritura intensa in primavera e a portamento colonnare che non andranno a causare problemi all’asfalto.

«Via Spartaco - ha concluso Bolandrini - è una delle ultime strade rimaste indietro nel piano Pums ma è una via ad alta percorrenza, sia in accesso che in uscita verso Mozzanica. Una strada che è stata teatro anche di un incidente mortale che ha coinvolto un lavoratore che è scivolato e caduto con il motorino. Per questo motivo è un intervento che ci sta particolarmente a cuore e che abbiamo da sempre in programma».

TORNA ALLA HOME