Il Comandante Alfa dei Gis si racconta

Il carabiniere paracadutista, le cui esperienze sono state raccolte in due libri autobiografici, sarà ospite a Fornovo San Giovanni.

Il Comandante Alfa dei Gis si racconta
Treviglio città, 08 Febbraio 2018 ore 17:11

Il Comandante Alfa è il co-fondatore dei “Gis”, il gruppo di intervento speciale dei carabinieri. Domani sera dalle 20.45, alla palestra comunale di Fornovo, racconterà la sua esperienza di vita sotto copertura.

Il Comandante Alfa in paese

Il «mephisto» sempre in testa per garantirgli anonimato e protezione. Lui è il Comandante Alfa, co-fondatore nel 1977 del Gruppo di intervento speciale (Gis) dei carabinieri. Venerdì, alle 20.45, sarà ospite alla palestra comunale di Fornovo per raccontare la sua storia. Il carabiniere paracadutista che tutti chiamano il «Cigno», per i suoi uomini è il comandante Alfa ed è entrato a far parte delle «teste di cuoio», il reparto specializzato, chiamato ad intervenire negli scenari più critici a livello nazionale e internazionale.

Una carriera ad alto rischio

Numerose le missioni ad alto rischio, dalla ribellione sedata nel carcere di Trani sino all’attentato del 2003 a Nassiriya, vissute dal comandante Alfa e dai suoi uomini in oltre quarant’anni. Esperienze di vita, raccolte nei due libri autobiografici «Cuore di Rondine» e «Io vivo nell’ombra», che lui stesso racconterà durante la serata a Fornovo San Giovanni. L’evento è stato organizzato dall’Amministrazione comunale con il coinvolgimento di diverse associazioni del paese.

“Speriamo ci sia una buona risposta”

Ad organizzare l’incontro con il Comandante Alfa è stata l’Amministrazione comunale di Fornovo, guidata dal sindaco Gian Carlo Piana. “Abbiamo coinvolto le associazioni del paese per far da volano alla serata – ha spiegato il primo cittadino – Si è scelto il venerdì sera, quando la gente è un po’ più libera da impegni di lavoro il giorno successivo e speriamo ci sia una buona risposta”.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia