Cronaca
Milanese

Chiodi in strada e furgoni per coprire la fuga: colpo dal film alla Bartolini, 15 banditi al lavoro

La banda ha progettato ogni aspetto del colpo nei minimi dettagli, ma i carabinieri hanno rovinato la festa

Chiodi in strada e furgoni  per coprire la fuga: colpo dal film alla Bartolini, 15 banditi al lavoro
Cronaca Cassanese, 10 Dicembre 2022 ore 13:43

Un furto "alla Lupin", incredibile, con tanto di chiodi per strada per facilitare la fuga nel caso (come accaduto) fossero intervenute le Forze dell'ordine a rompere le uova nel paniere di un commando composto da quindici banditi. A dare notizia del colpo da film messo a segno poche ore prima dell'alba di ieri, venerdì 9 dicembre 2022, ai danni della sede dell'azienda spedizioniera Bartolini, è Primalamartesana. Succede a Liscate, in provincia di Milano.

Colpo da film alla Bartolini di Liscate, quindici banditi al lavoro

La banda ha progettato ogni aspetto del colpo nei minimi dettagli. A cominciare dalle fasi preparatorie. Intorno alle 3.40 quattro macchine, tutte risultate rubate nei giorni precedenti, sono arrivate nei pressi del magazzino di via San Paolo della Croce. Hanno sfondato il cancello principale, quindi sono scesi quindici individui che si sono messi subito all'opera. Ognuno di loro aveva un compito preciso.

Chiodi in strada per facilitare la fuga

Mentre una parte del commando si concentrava sulla refurtiva, altri malviventi si sono messi al lavoro per proteggere la successiva fuga e per rendere più difficoltoso l'arrivo delle Forze dell'Ordine. Hanno messo in moto alcuni furgoni della Bartolini e li hanno posizionati di traverso sulle strade di accesso al deposito, quindi hanno sparso chiodi su tutto l'asfalto, in modo da forare le gomme di chi avesse interferito.

Piani rovinati dai carabinieri

Avevano progettato tutto nei minimi dettagli, tranne la celerità delle Forze dell'ordine. E' passata una manciata di minuti da quando è scattato l'allarme all'arrivo dei Carabinieri della Compagnia di Pioltello, giunti sul posto con più mezzi. I rapinatori sentendo le sirene non hanno potuto far altro che arraffare il più possibile e scappare.

Seguici sui nostri canali