Centomila “hikikomori” in Italia: se ne parla a Treviglio

Un'iniziativa del Comitato genitori dell'Itis al Tnt di Treviglio.

Centomila “hikikomori” in Italia: se ne parla a Treviglio
Treviglio città, 19 Novembre 2019 ore 12:54

Giovani e giovanissimi che vivono chiusi nelle loro camerette, riducendo al minimo ogni contatto con il mondo esterno. Per mesi, se non per anni. Sono gli hikikomori, ragazzi perlopiù maschi tra i 14 e il 30 anni (ma sui numeri e l’incidenza del fenomeno tra le ragazze si discute) che hanno deciso di tagliarsi fuori dal mondo – il termine giapponese significa letteralmente “stare in disparte” – chiudendosi in una bolla dalla quale è difficile, spesso, uscire.

Hikikomori italiani, fenomeno in crescita

Il fenomeno è nato in Giappone, dove si stimano almeno mezzo milione di casi accertati secondo le diverse associazioni che si occupano del problema. In Italia l’associazione di riferimento è Hikikomori Italia (QUI). E anche grazie alle iniziative del gruppo il fenomeno sta lentamente emergendo anche nello Stivale. Dove si stima ci siano almeno centomila hikikomori.
Se ne parlerà anche a Treviglio, grazie a un’iniziativa del Comitato genitori dell’Itis. “Cosa fare quando nostro figlio si auto reclude nella propria camera, evitando contatti con i genitori, amici, educatori?” il titolo della serata, in programma per giovedì 21 novembre alle 20.30 al Teatro Nuovo di Treviglio, ingresso gratuito.

TORNA ALLA HOME

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia