Cronaca
Parco del Serio

Cava Alberti, prosegue l'iter di acquisto, ma più controlli per affrontare la siccità

Un'occasione fare chiarezza sugli esposti presentati dal pianenghese Ettore Aschedamini, che la prossima settimana riferirà alla Procura di Cremona.

Cava Alberti, prosegue l'iter di acquisto, ma più controlli per affrontare la siccità
Cronaca Cremasco, 22 Luglio 2022 ore 12:44

Si è svolta ieri nella sede di Romano di Lombardia la riunione della Comunità del Parco del Serio, nel corso della quale il presidente Basilio Monaci ha aggiornato i presenti sulla situazione relativa al progetto di acquisto delle aree dell’ex cava Alberti, già autorizzato nei precedenti incontri. Un'occasione fare chiarezza sugli esposti presentati dal pianenghese Ettore Aschedamini, che la prossima settimana riferirà alla Procura di Cremona.

Cava Alberti, avanti tutta con l'acquisto

“Al momento noi non siamo stati chiamati, ma siamo fiduciosi nel lavoro della Procura e attendiamo gli sviluppi. Abbiamo un preliminare di acquisto ed anche ieri sera, i rappresentanti della Comunità del Parco ci hanno dato mandato pieno per proseguire – dice il presidente Basilio Monaci – e questo perché solo il Parco ha una mission specifica per il recupero dell’area e la messa a disposizione dei cittadini. Si va avanti con l’opportuna prudenza, nell’attesa degli sviluppi del lavoro della Procura, ma non c’è nessun dubbio sulla necessità di portare a termine questo progetto”.

Buoni risultati dalle acque dei laghetti

L’informativa è servita all’Ente Parco anche per ricevere i suggerimenti dei componenti la comunità, alla quale ieri sera ha partecipato in rappresentanza del comune di Crema, il neo assessore Franco Bordo. Nei mesi scorsi, il Parco autonomamente aveva anche provveduto a far analizzare le acque dei laghetti presenti nell’area ex cava Alberti, dalle quali erano emersi risultati nella norma, confermando il buono stato dei luoghi interessati al progetto di acquisto da parte del Parco, la cui intenzione resta quella di puntare alla riqualificazione e alla restituzione dei luoghi alla fruizione della collettività.

Siccità drammatica sul Serio

Impossibile non toccare il tema della siccità che sta avendo conseguenza drammatiche sul fiume Serio.

“La situazione è molto preoccupante, manca l’acqua per l’agricoltura, manca l’acqua per la biodiversità fluviale a salvaguardia dei pesci, delle aree umide, della biodiversità vegetale sulle sponde”, ha detto il presidente Monaci, che ha introdotto un altro elemento che aggrava la situazione. Lungo il Serio, negli anni passati sono state approvate delle concessioni che consentivano alle aziende agricole di attingere acqua dal fiume per scopi irrigui, ma in una situazione molto deficitaria com’è quella attuale, questo ha ulteriormente messo in difficoltà le traverse fluviali, risalenti al Quattrocento e al Cinquecento (Palata Babbiona, Malcontenta, Menasciutto e Borromea). Una situazione che ha scatenato nuove problematiche, perché diversi tra i concessionari (circa una ventina), posti prima di queste traverse, pare non stiano rispettando il minimo deflusso vitale per il fiume, proseguendo ad attingere l’acqua nelle stesse quantità del passato.

“In una condizione di normalità, quando non vi erano problematiche di disponibilità di acqua, tali derivazioni erano sostenibili, ed i concessionari con apposite turbine procedevano ad attingere acqua dal Serio, ora questa situazione va monitorata”, ha specificato il presidente Monaci, mettendo a disposizioni anche le Guardie Ecologiche Volontarie, se richiesto dagli Enti preposti al controllo.

Un tavolo per la prossima primavera

Preoccupazione confermata dalla direttrice Laura Comandulli, la quale sottolinea la necessità di avere maggiore consapevolezza del grave momento di crisi e collaborare per una corretta ripartizione dei prelievi: “Tra l’altro, ci arrivano diverse segnalazioni di criticità relative a pesci presenti in pozze isolate, per i quali è necessario un intervento di recupero e per far questo noi ci rivolgiamo alla Fipsas”.

“Vista l’esperienza di quest’anno, sicuramente Provincia di Cremona, Parco e presidenti delle rogge maggiori e minori – conclude il presidente Monaci – già da quest’autunno dovranno mettersi attorno ad un tavolo, per definire un accordo condiviso, al fine di prepararsi al meglio alla futura stagione irrigua della prossima primavera”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter