Tegole in strada, il privato non c’è e ci pensa il Comune

I calcinacci sono caduti in seguito alle forti raffiche di vento e alla pioggia della scorsa settimana

Tegole in strada, il privato non c’è e ci pensa il Comune
06 Luglio 2017 ore 10:39

Le forti raffiche di vento han fatto piovere calcinacci e tegole sulla carreggiata. Irreperibile il proprietario dell’immobile, il Comune interviene.

Il temporale

Calcinacci e tegole in strada durante il temporale, il Comune interviene. Sono stati ingenti i danni causati dal maltempo la scorsa settimana in tutta la zona compresa tra la Bassa Bergamasca e l’alto Cremasco, tra i fiumi Adda e Serio. Oltre ai danni all’agricoltura e al territorio, però, in pieno centro Sergnano ci son stati pericoli anche per la circolazione. Le forti raffiche di vento e pioggia hanno infatti fatto cadere sul manto stradale diversi calcinacci e parti di tegole dal tetto di un’abitazione diroccata e abbandonata da anni in via al Serio.

L’ordinanza del Comune e il privato fantasma

Immediato l’intervento del Comune, che ha transennato il tratto di strada ed emanato al privato un’ordinanza di messa in sicurezza. Il proprietario, però, è risultato irreperibile, per cui l’intervento andrà a carico del Comune: «Abbiamo parlato con l’Ufficio Tecnico – ha reso noto il sindaco, Gianluigi Bernardi – e anche con un muratore, e a breve interverremo. Il proprietario ha comprato lo stabile diversi anni fa, ma non vi ha mai abitato, per cui l’edificio è sostanzialmente diroccato. Abbiamo in ogni caso emesso un ordinanza, ma essendo risultato irreperibile il privato, sarà il Comune a farsi carico del piccolo intervento, riservandosi comunque di presentare il conto al padrone di casa qualora dovesse farsi nuovamente vivo».

Strada chiusa per la messa in sicurezza

La strada adiacente all’abitazione, dunque, è stata transennata per evitare in particolare il passaggio di pedoni, e già in questi giorni dovrebbe essere effettuata la messa in sicurezza: «Si tratta giusto di togliere le grondaie e alcune tegole – ha spiegato sempre Bernardi – e poco altro. È un lavoro da un giorno o due, nulla di oneroso, ma siccome la strada in quel punto è piuttosto stretta sarà chiusa al traffico».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia