Cronaca
Fornovo

Botti, petardi e fuochi d'artificio al bando sul territorio comunale

Il divieto assoluto su tutto il territorio comunale entra in vigore alle 8 di domani, sabato 31 dicembre, sino al 2 gennaio 2023. Le sanzioni per i trasgressori vanno da 25 a 500 euro.

Botti, petardi e fuochi d'artificio al bando sul territorio comunale
Cronaca Gera d'Adda, 31 Dicembre 2022 ore 15:14

Divieto assoluto di utilizzare botti, petardi e fuochi d'artificio sul territorio comunale di Fornovo. Lo prevede un'ordinanza emanata dal sindaco Fabio Carminati che sarà in vigore dalle 8 di sabato 31 dicembre alle 8 di lunedì 2 gennaio 2023. Previste sanzioni da 25 a 500 euro per i trasgressori.

Botti, petardi e fuochi d'artificio al bando a Fornovo

Una misura volta a tutelare l'incolumità dei cittadini, il benessere degli animali sia quelli d'affezione sia della fauna selvatica, ma anche a tutelare il patrimonio comunale in generale. Il sindaco di Fornovo Fabio Carminati con una specifica ordinanza ha messo al bando l'utilizzo sul territorio comunale di botti, petardi e fuochi d'artificio durante il periodo a cavallo del Capodanno. Una tradizione, quella di sparare petardi, botti o fuochi d'artificio che, spesso, nell'euforia dei festeggiamenti, coinvolge anche soggetti minorenni che hanno poca dimestichezza a maneggiare materiale infiammabile ed esplosivo con il rischio di gravi ferimenti con soggetti che finiscono al Pronto soccorso degli ospedali per le cure.

Il primo cittadino di Fornovo, quindi, ha stabilito il divieto assoluto di utilizzo di botti, petardi e fuochi d'artificio su tutto il territorio comunale dalle 8 di oggi, sabato 31 dicembre 2022, sino alle 8 di lunedì 2 gennaio 2023, in tutte le aree private, su tutte le strade, piazze, parchi e luoghi pubblici.

A vigilare le forze dell'ordine

L'obbligo di non utilizzare materiale pirotecnico per le feste di Capodanno è esteso a chiunque sul territorio di Fornovo. A vigilare sul rispetto dell'ordinanza emanata dal sindaco Fabio Carminati sono chiamati gli agenti della Polizia locale del Distretto della Bassa bergamasca occidentale, che ha competenza sul territorio comunale, e tutti gli altri agenti delle forze dell'ordine pubblico.

Chi violerà l'ordinanza è passibile di una sanzione amministrativa che va dai 25 ai 500 euro. Accertata la violazione, le forze dell'ordine possono applicare la sanzione amministrativa accessoria della confisca degli articoli pirotecnici, se illegittimamente posseduti, mediante il sequestro cautelare come previsto dagli articoli 13 e 20 della legge 689/1981. Qualora poi il fatto accertato integri gli estremi di uno o più illeciti penali, il responsabile sarà deferito all'autorità giudiziaria competente ai sensi dell'articolo 347 del codice di procedura penale.

 

Seguici sui nostri canali