Parco del Serio

Boom di iscrizioni per diventare Guardie ecologiche volontarie, oggi il primo incontro

Circa 80 i partecipanti alle lezioni (a distanza) che dureranno fino a giugno.

Boom di iscrizioni per diventare Guardie ecologiche volontarie, oggi il primo incontro
Cronaca Romanese, 16 Marzo 2021 ore 14:26

Atteso da diversi anni, stasera finalmente prende il via il corso destinato alla formazione di Guardie Ecologiche Volontarie (GEV), come previsto dalla normativa regionale. Le diverse attività che il Parco del Serio garantisce al territorio hanno bisogno di volontari preparati, ed è per questo che l’Ente presieduto da Basilio Monaci, con sede a Romano di Lombardia ha voluto organizzarlo, seppur in una modalità diversa rispetto alle edizioni passate, e che comporterà parecchie novità per gli stessi corsisti, i quali si troveranno a cimentarsi con computer, connessioni e piattaforme telematiche.

Boom di iscrizioni per diventare Gev

A coordinare la parte organizzativa Rosangela Frigè, responsabile settore Affari Generali, Segreteria e Vigilanza del Parco del Serio, che si avvale della struttura del Parco e delle stesse Gev già in servizio, che oltre a collaborare a livello organizzativo, avranno un’importante occasione di aggiornamento.

Rosangela Frigè

Quasi una ottantina i partecipanti, ai quali al termine della formazione ed in seguito al superamento dell’esame e dell’approvazione della nomina a guardia giurata da parte del Prefetto, il Parco del Serio conferirà con proprio decreto l’incarico di Guardia Ecologica Volontaria.

Stasera il via al corso

Il corso che parte stasera si concluderà a giugno, e si articolerà in un ciclo di videolezioni, che impegneranno relatori interni alla struttura del Parco, ma anche esterni (dalla Polizia Locale di Romano, alla Croce Rossa), su diversi temi: dal ruolo del volontario al servizio della collettività, agli approfondimenti normativi sul servizio di vigilanza ecologica volontaria. E poi, competenze, ruolo, aspetti territoriali, ambientali e naturalistici, disciplina del territorio, delle aree verdi e tutela del paesaggio, accertamento degli illeciti amministrativi contro il demanio idrico, polizia amministrativa, difesa del territorio dall’inquinamento, tecniche di primo soccorso. Nella speranza di poter riscontrare quanto prima un miglioramento dell’evoluzione pandemica, tale da consentire spostamenti e attività in presenza, a completare la formazione teorica, ci saranno anche esercitazione sul campo, relative ad attività di accertamento: casi pratici con stesura di verbali e segnalazioni all’autorità giudiziaria.

Rispettare l'ambiente

Le GEV, fondamentali per le diverse attività promosse dal Parco, sono cittadini di ambo i sessi, amanti della natura che volontariamente decidono di dedicare il proprio tempo alla difesa dell’ambiente, promuovendo al contempo l’educazione al rispetto del patrimonio naturalistico di questi territori. Rivestono la funzione di pubblico ufficiale, svolgendo compiti di vigilanza rispetto alla normativa ambientale, ma anche funzioni informative e sanzionatorie, segnalando alle autorità competenti illeciti amministrativi di natura ambientale. Il rapporto con le scuole di ogni ordine e grado rappresenta un altro aspetto importante dell’attività delle GEV, per tutto ciò che attiene all’educazione ambientale.

TORNA ALLA HOME