Barricato nel suo camion, autista minaccia il suicidio

Martedì di alta tensione nella zona industriale di Martinengo quando un autista di camion ha minacciato il suicidio è stato trasportato all’ospedale di Treviglio dopo due ore di trattative.

Barricato nel suo camion, autista minaccia il suicidio
Romanese, 26 Gennaio 2018 ore 09:39

Martedì di alta tensione nella zona industriale di Martinengo quando un autista di camion ha minacciato il suicidio è stato trasportato all’ospedale di Treviglio dopo due ore di trattative.

I fatti

Erano da poco passate le 22 quando un tir è arrivato ai magazzini logistici della Ceva in via Pietro Savoldini. Come da procedura il mezzo si è posizionato nello spazio per lo scarico ma qualcosa non è scattato nella mente dell’autista, un egiziano di 35 anni.
«L’uomo alla guida del mezzo ha schiacciato le chiusure di sicurezza e l’antipanico e si è barricato nel mezzo - ha raccontato un testimone minacciando il gesto estremo se qualcuno si fosse avvicinato».

L'allarme

Immediatamente uno degli addetti ha chiamato la sicurezza interna che è intervenuta. Dopo aver verificato la situazione, ha dato l'allarme a carabinieri che sono giunti sul posto con quattro volanti, da Martinengo, Urgnano e Treviglio.
«Si è aperta una lunga trattativa, durata almeno due ore - ha raccontato il testimone - i militari hanno chiamato i soccorsi medici, arrivati con una ambulanza e l’automedica, ma l’autista non voleva saperne di uscire».

L''intervento dei militari

Tensione e paura hanno pervaso tutto l’ambiente, con una tragedia che si stava compiendo, che solo grazie ai carabinieri è stata evitata. L’autista dopo aver parlato a lungo con i militari si è convito ad aprire e uscire dall’abitacolo. Dopo essere stato visitato dal personale medico è stato trasportato all’ospedale di Treviglio per un trattamento sanitario obbligatorio.