Cronaca
Cologno

Baristi e ristoratori protestano in piazza: "Così le nostre attività muoiono"

Niente riapertura dei bar e dei ristoranti. E a Cologno, decine di esercenti hanno deciso di reagire a loro modo, in occasione dell’iniziativa #IoApro1510. Ma senza violare la legge.

Cronaca Media pianura, 15 Gennaio 2021 ore 10:58

Niente riapertura dei bar e dei ristoranti. E a Cologno, decine di esercenti hanno deciso di reagire a loro modo, in occasione dell’iniziativa #IoApro1510. Nessuna adesione, però, all'iniziativa di disobbedienza civile nata su Telegram. Questa mattina dalle 10 alle 11, i ristoratori e i baristi sono scesi in piazza, autorizzati, per appendere alcuni manifesti in segno di protesta.

 

Manifesti funebri per bar e ristoranti

Sui cartelloni appesi a un pannello ci sono scritte di questo tipo: «Presto si spegnerà il bar Big Bang, nell’anno 2021. Ne danno il triste annuncio: il titolare e i dipendenti». Manifesti realizzati sul modello di quelli funebri, che riportano i nomi dei principali bar e ristoranti del paese, penalizzati fortemente dalle chiusure, che non ne possono più delle restrizioni imposte dai Dpcm, che bloccano di fatto le loro attività. O

Bar e ristoranti, ma non solo

Insieme a loro sono scesi in piazza anche le agenzie di viaggio colognesi come "Vivere e Viaggiare". E tanti altri, tutti uniti con l’obiettivo di far sentire la propria voce.
A spiegare il perché di questa decisione è stato Yunes Meharich, del Big Bang.

"Sappiamo benissimo che riaprire in questo modo può comportare un rischio in termini di contagio – ha spiegato – di fatto, ci sembra una scelta controproducente. Inoltre, temiamo il rischio di incorrere in multe in seguito ad eventuali controlli. Come ristoratori e baristi ci siamo consultati e abbiamo chiesto un’autorizzazione al sindaco per poter svolgere questo tipo di protesta, che mettesse tutti a conoscenza della situazione in cui giacciono oggi i bar e i ristoranti in Italia, mantenendo sempre un atteggiamento di responsabilità per il bene collettivo".

Leggi di più sul Giornale di Treviglio in edicola oppure QUI
TORNA ALLA HOME

Seguici sui nostri canali