Bariano dice addio a Adriano De Agostini

De Agostini era il proprietario del magazzino edile che si trova sulla rotatoria che da Bariano porta a Mozzanica.

Bariano dice addio a Adriano De Agostini
Treviglio città, 10 Settembre 2018 ore 15:09

Si è spento venerdì pomeriggio Adriano De Agostini. L’86enne barianese lascia la moglie Paolina e i suoi cinque figli, quattro femmine, Leonilde, Mara, Milena, Giusy e l’unico maschio Giovanni.

Addio a De Agostini

La morte è giunta dopo una lunga malattia che protraeva da tempo. Da due anni infatti l’uomo si sottoponeva a dialisi. Adriano era conosciutissimo non solo a Bariano, ma anche nei paesi limitrofi come Morengo e Fornovo. Infatti De Agostini era il proprietario del magazzino edile che si trova sulla rotatoria che da Bariano porta a Mozzanica.

Di animo allegro e spiritoso

Di animo allegro e spiritoso, “aveva sempre la battuta pronta” conferma la figlia Giusy. Amabile chiaccherone, Adriano non è stato un padre severo o troppo rigido, ha saputo però sempre ottenere ciò che voleva, specialmente riuscire a tenere saldo il legame con i suoi figli. L’86enne è riuscito negli anni a tenere unita sempre la famiglia, tant’è che oggi i De Agostini preferiscono parlare di se stessi con il termine “a famija”, richiamando ironicamente gli usi tipici delle famiglie del meridione il cui legame è molto stretto.

Una famiglia unita

“Sempre ci ritroviamo tutti insieme nella taverna di casa – ha raccontato Giusy – infatti siamo tutti molto uniti e il nostro legame, tra fratelli, generi, nuora e cugini è molto affiatato”. Ma non solo con i parenti. Adriano è riuscito a costruire un legame saldo anche nella comunità in cui viveva. Da giovane, infatti, svolgeva servizio pubblico per i matrimoni. Ma a dargli notorietà e stima è stato sicuramente il magazzino edile di cui era proprietario. Da lui passavano tutte le imprese edili, ma anche privati cittadini, per acquistare cemento o altri materiali necessari nel campo dell’edilizia.

Un uomo conviviale

“La passione più grande di Adriano? Sicuramente il cibo” hanno spiegato i figli. Ma non solo anche buon vino e la squadra del cuore: l’Atalanta. Passioni, tutte all’insegna della convivialità. Perché, infatti, De Agostini adorava fare scherzi ai suoi figli, amava ridere e stare in compagnia. Tutte caratteristiche che il padre ha saputo trasmettere alla numerosa progenie. Tra gli aneddoti più simpatici, Giusy ha ricordato che il padre quando, i figli erano ancora da piccoli, “era solito inaugurare i camion nuovi facendoci fare il giro del paese”. I funerali si sono tenuti lunedì mattina in una chiesa gremita di gente venuta a porgere l’estremo saluto ad una colonna portante del paese.

TORNA ALLA HOME

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia