Romano

Baby gang, due minorenni finiscono in comunità

I militari dell'Arma, con la Polizia locale, hanno eseguito un’ordinanza di misura cautelare nei confronti di un 15enne di Bariano e un 14enne di Romano.

Baby gang, due minorenni finiscono in comunità
Cronaca Romanese, 12 Gennaio 2021 ore 12:03

Due minorenni che facevano parte della baby gang che ha imperversato, nei mesi scorsi, a Romano, sono finiti in comunità. Questa la misura cautelare eseguita in mattinata dai carabinieri del Comando di Treviglio con il supporto della Polizia locale di Romano.

Baby gang di Romano, due finiscono in comunità

Questa mattina, martedì 12 gennaio, i carabinieri del Comando di Treviglio, in collaborazione con il Comando di Polizia locale di Romano di Lombardia, hanno eseguito un’ordinanza di misura cautelare per il collocamento in comunità di due minorenni, un 15enne di Bariano e un 14enne di Romano di Lombardia, a conclusione delle indagini condotte dall’Arma di Treviglio, già avviate dai militari della Stazione di Romano e dal Comando di Polizia locale romanese, riguardanti una serie di reati contro il patrimonio, sostanziatisi in furti consumati e tentati, ricettazione e truffa, compiuti ripetutamente dagli odierni indagati, ai danni di cittadini di Romano.

I reati contestati

In particolare, i due minori fermati sono, a vario titolo, indagati, insieme ad altri quattro complici in fase di identificazione, per: il furto di 12 biciclette, consumato a più riprese nel corso di una notte dello scorso mese di ottobre, presso un negozio di rivendita di velocipedi di Romano di Lombardia, dove sono entrati dopo aver forzato la porta posteriore di ingresso dell’esercizio e infranto il vetro di una finestra; la ricettazione di una bicicletta elettrica del valore di 2mila euro circa, che nel precedente mese di novembre era stata asportata ad una commerciante di Covo, proprio mentre era parcheggiata nella rastrelliera posta davanti al negozio di abbigliamento di cui la vittima è titolare e alla quale i carabinieri della Stazione di Romano, dopo aver recuperato la bici, è stata restituita. Inoltre, la truffa relativa all’impossessamento di tre pizze da asporto e il tentativo di sottrarre 200 euro in contanti, fatti risalenti al 22 novembre scorso e commessi ai danni di un pony-pizza di Romano, a cui gli indagati, accompagnati da un complice in fase di identificazione, dopo aver fornito un indirizzo falso e averlo successivamente attirato in un area appartata per farsi consegnare le pizze, hanno pure tentato di sottrargli il marsupio contenente le 200 euro, importo costituente l’incasso delle precedenti consegne.

Perquisizioni e sequestri in un box

Nel corso della perquisizione domiciliare eseguita all’interno del box di pertinenza dell’abitazione di uno dei due minori, venivano rinvenuti un televisore, una bicicletta ed un monopattino elettrici, sequestrati dai militari poiché, non sapendo il minore giustificarne la provenienza, verranno svolti accertamenti al fine di verificare l’eventuale illecita provenienza dei beni.
Oltre ai reati per cui in mattinata i due minorenni sono stati posti in comunità, gli stessi, assieme ad altri 3/4 ragazzi della medesima età, sono indagati per diverse altre illecite condotte consistenti in aggressioni fatte a coetanei oltre che per ulteriori delitti contro il patrimonio, da ultimo il danneggiamento e il furto di alcune palle e oggetti di Natale che addobbavano l’albero e il presepio presenti per l’occasione delle Feste di fine anno nella centralissima piazza Tadini di Romano di Lombardia.
Al termine delle operazioni di fotosegnalamento i due minorenni sono stati condotti e collocati in due distinte comunità site, rispettivamente, nel bresciano e nel mantovano.

TORNA ALLA HOME