Tragedia sfiorata

Autobus dirottato: chiesti 24 anni di carcere per Ousseynou Sy

Nel marzo dello scorso anno aveva dirottato, sequestrato e poi dato alle fiamme il pullman su cui viaggiavano gli alunni della Vailati di Crema.

Autobus dirottato: chiesti 24 anni di carcere per Ousseynou Sy
Cremasco, 08 Luglio 2020 ore 15:31

Ventiquattro anni di carcere. E’ la richiesta presentata oggi, mercoledì 8 luglio 2020, da parte del pm di Milano, Luca Poniz nei confronti di Ousseynou Sy, autista di origini senegalesi, che il 20 marzo 2019, dirottò, tenne in ostaggio e poi diede alle fiamme un bus con 50 bambini, due insegnanti e una bidella della scuola media Vailati di Crema, tra Peschiera Borromeo e San Donato Milanese, fortunatamente senza provocare vittime. Cambia anche il capo di imputazione, che passa da sequestro di persona semplice a sequestro di persona ai fini di eversione o terroristici.

Autobus dirottato, chiesti 24 anni per l’autista

Come riporta PrimaLaMartesana, nell’aula bunker era presente anche l’imputato, che  ha ascoltato la richiesta del pubblico ministero dando le spalle al magistrato e ai giudici della Corte. In aula anche il responsabile dell’antiterrorismo milanese Alberto Nobili. L’uomo ha chiesto di rendere spontanee dichiarazioni durante una delle prossime udienze, prima della camera di consiglio. La sentenza potrebbe arrivare già la prossima settimana.

LEGGI ANCHE: Autobus dirottato, la testimonianza al processo: “Mia figlia è ancora terrorizzata”

Il commento

Sulla vicenda è intervenuto anche l’assessore regionale alla Sicurezza Riccardo De Corato:

“Le spalle ‘date’ al magistrato e ai giudici della Corte non sono altro che l’ennesima dimostrazione, da parte di questo senegalese, di spregio nei confronti delle autorità e del Paese che lo ospita, che gli ha dato un lavoro e nel quale si è fatto una famiglia. Non dimenticheremo mai il terrore nelle voci registrate durante le telefonate fatte ai carabinieri dai ragazzini a bordo dell’autobus, come non dimenticheremo mai le grida che hanno accompagnato la loro fuga dal mezzo in fiamme. Per quanto mi riguarda, per aver cercato di bruciare vivi una cinquantina di alunni con i loro accompagnatori, meritava l’ergastolo. Forse non è quello che ci si aspettava, ma è comunque positiva la richiesta del Pm di Milano Poniz: 24 anni che mi auguro vengano confermati dal giudice senza ulteriori sconti. Come ha dimostrato la perizia psichiatrica alla fine del mese scorso, l’uomo era ben consapevole di quello che stava cercando di fare: una strage! Infine spero che, una volta scontata la pena, sempre senza riduzioni, a Sy venga revocata la cittadinanza e venga rispedito in Senegal”.

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia