Cronaca
Allarme

Allarme bocconi avvelenati lungo le ciclabili

Undici ritrovamenti lungo la strada tra Offanengo e Romanengo. Indagini in corso

Allarme bocconi avvelenati lungo le ciclabili
Cronaca Cremasco, 03 Gennaio 2023 ore 09:34

Bocconi avvelenati per uccidere i cani lungo le piste ciclabili del Cremasco: è allarme in questi giorni: al lavoro l'unità cinofila antiveleno della Forestale di Lecco e i carabinieri di Romanengo.

Primi bocconi avvelenati a novembre

I primi ritrovamenti di bocconi avvelenati - di fatto polpette farcite di pasticche - erano state segnalate a Romanengo (pochi chilometri da Crema) attorno al 18 novembre. Un cittadino aveva segnalato che il proprio cane era rimasto vittima dei bocconi killer, ma fortunatamente era sopravvissuto, avendo ingerito una minima quantità di veleno.

A metà dicembre i carabinieri di Romanengo hanno ricevuto una nuova segnalazione di un uomo che aveva notato lungo la pista ciclabile un boccone dello stesso genere. Dopo i primi accertamenti, verificando anche la presenza di telecamere nella zona e lungo le strade da percorrere per raggiungere l’area in questione, il 29 dicembre i carabinieri di Romanengo sono quindi venuti a conoscenza di un nuovo ritrovamento di bocconi da un cittadino e hanno acquisito 3 esche avvelenate ritrovate quella mattina lungo la ciclabile.

 

 

La bonifica il 31 dicembre con i Forestali i Lecco

I carabinieri hanno dunque richiesto l’intervento del cane dell’Unità Cinofila Antiveleno della Stazione Carabinieri Forestale di Lecco. L’intervento congiunto, per la bonifica della pista ciclabile, è stato svolto la mattina del 31 dicembre e ha rintracciato ben 11 polpette tutte disseminate in sei diversi punti della ciclabile tra Romanengo ed Offanengo. Il controllo è stato poi esteso lungo tutta la pista ciclabile.

Indagini in corso all'istituto zooprofilattico

I bocconi sono stati sequestrati e inviati per all’Istituto Zooprofilattico di Cremona per le analisi di competenza e sono in corso le indagini finalizzate ad individuare i responsabili di tale gesto.

Seguici sui nostri canali