Menu
Cerca
Romano di Lombardia

Aggressione al bar, 34enne pregiudicato finisce in carcere

In ospedale era finito un 35enne albanese residente in città.

Aggressione al bar, 34enne pregiudicato finisce in carcere
Cronaca Romanese, 08 Marzo 2021 ore 12:30

Sono passati quattro mesi dall’aggressione avvenuta lo scorso ottobre al bar “Genny” di Romano: al termine delle indagini a finire in carcere è stato un 34enne pregiudicato, originario del Marocco.

Aggressione al bar “Genny”

Ieri mattina, 7 marzo 2021, al termine delle indagini, i carabinieri del Comando Compagnia di Treviglio hanno dato esecuzione ad un ordine di custodia cautelare in carcere emessa dall’Ufficio del Gip del Tribunale di Bergamo nei confronti di A.S., operaio 34enne pregiudicato.

Lo scorso 21 ottobre, l’uomo, originario del Marocco, si era reso responsabile di un’aggressione nei confronti di un cliente del bar “Genny”, N.L., 35enne albanese,  a cui aveva provocato lesioni personali gravi.

Prognosi di 40 giorni

Secondo quanto emerso dalle indagini, l’aggressione era scaturita come ritorsione a seguito di una precedente lite in cui il 35enne albanese, anch’egli residente in città, aveva colpito al volto con un posacenere in metallo il 34enne. Un gesto che aveva scatenato la furia del marocchino che lo aveva colpito con violenza alla testa. Il 35enne era stato quindi trasportato all’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo dove i sanitari lo avevano giudicato guaribile in oltre 40 giorni di prognosi.

Ieri i carabinieri della Stazione di Romano di Lombardia hanno quindi dato esecuzione al provvedimento restrittivo trasferendo il 34enne in carcere a Bergamo, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

TORNA ALLA HOME

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli