Cronaca
Soncino-Crema

Aggredisce verbalmente i carabinieri, che lo allontanano dal bar. Va ubriaco a lamentarsi in caserma e finisce nei guai

Durante un controllo in un bar ha aggredito verbalmente i militari ed è stato allontanato. Così è andato ubriaco in auto fino in caserma.

Aggredisce verbalmente i carabinieri, che lo allontanano dal bar. Va ubriaco a lamentarsi in caserma e finisce nei guai
Cronaca Cremasco, 17 Settembre 2022 ore 14:09

Ubriaco in un bar di Soncino, un 33enne italiano ha aggredito verbalmente i Carabinieri intervenuti per un controllo. Allontanato dal locale ha preso la propria auto ed è andato a lamentarsi in caserma a Crema finendo nei guai.

Il controllo nel bar e il viaggio fino alla caserma

Soncino: in un bar insulta i Carabinieri durante un controllo. Poi va in auto in caserma a Crema a chiedere spiegazioni e rifiuta l’alcoltest. Denunciato per oltraggio e rifiuto di sottoporsi all’etilometro.
A rendere noto l'accaduto sono stati gli stessi Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile di Crema, che hanno denunciato per oltraggio a pubblico ufficiale e rifiuto di sottoporsi al test dell’etilometro un cittadino italiano di 33 anni, con precedenti di polizia a carico. Attorno alle 23.40 di giovedì 15 settembre i militari sono intervenuti presso un bar di Soncino e durante il controllo un 33enne, in evidente stato di alterazione verosimilmente dovuto all’abuso di alcool, ha aggredito verbalmente i militari di pattuglia alla presenza di numerosi altri avventori. Dopo l’identificazione è stato allontanato dal locale, ma l’uomo, non ancora soddisfatto per quanto commesso, si è messo alla guida della sua auto e ha raggiunto la caserma dei Carabinieri di Crema dove ha suonato il campanello e ha chiesto di parlare con i militari che lo avevano controllato al bar per chiedere spiegazioni sulla verifica eseguita nei suoi confronti.

"L’uomo mostrava chiaramente i sintomi di alterazione psicofisica dovuta all’abuso di alcol, tenuto conto del fatto che il tono della sua voce era immotivatamente alto, le frasi erano sconnesse e alternava momenti di rabbia con momenti di lucidità" hanno riferito i militari, i quali si sono inoltre accorti che era arrivato in caserma in auto e gli hanno chiesto di sottoporsi all’accertamento dell’etilometro, al quale però il 33enne si è rifiutato categoricamente. Per lui quindi è scattata la denuncia all’Autorità Giudiziaria per entrambi i reati, l’immediato ritiro della patente di guida e il sequestro del veicolo ai fini della confisca.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter