Menu
Cerca

Aeroporto Orio, le Fiamme gialle intercettano un milione di euro

La Guardia di Finanza ha scovato anche un traffico di anabolizzanti, dall'Est Europa, destinato al mercato delle palestre

Aeroporto Orio, le Fiamme gialle intercettano un milione di euro
Cronaca 08 Novembre 2017 ore 08:39

Aeroporto Orio, le Fiamme gialle intercettano un milione di euro. Una cifra da capogiro scovata grazie al “cash dog” in soli due mesi.

Aeroporto Orio controlli intensificati

La Guardia di Finanza dell’Aeroporto di Orio al Serio, in stretta collaborazione con l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, ha ulteriormente intensificato i controlli sui passeggeri. Il piano operativo messo in atto ha consentito di intercettare oltre un milione di euro di valuta non dichiarata al seguito dei passeggeri, sostanze anabolizzanti pericolose per la salute e un clandestino che cercava di entrare illegalmente nel territorio dello Stato.

Il fiuto del “cash dog”

Aeroporto Orio
Cash dog in azione

I controlli delle Fiamme Gialle si sono concentrati in particolare sui passeggeri in arrivo e in partenza da e verso i Paesi maggiormente a rischio per i traffici illeciti.  La valuta non dichiarata, trovata anche grazie al fiuto del “cash dog”, il labrador utilizzato dai finanzieri per rinvenire i soldi nascosti, nei soli due mesi di settembre ed ottobre,
ammonta ad oltre 1 milione di euro. Sono invece 75 i passeggeri verbalizzati, nei cui confronti sono state elevate sanzioni per 35mila euro. In alcuni casi è scattato anche il sequestro del denaro non dichiarato.

Clandestino “beccato” e respinto

Durante i servizi è stato intercettato anche un cittadino extracomunitario della Guinea che cercava di introdursi illegalmente utilizzando il passaporto di un altro suo connazionale. In particolare, la foto sul documento esibito non ha convinto i finanzieri che hanno voluto indagare sulla reale identità del passeggero, procedendo alla sua identificazione, grazie alle informazioni ricavate dalle banche dati. L’uomo è stato, così, respinto e rimpatriato immediatamente con il primo volo utile per la Spagna, da dove proveniva.

Trovate anche 500 confezioni di anabolizzanti

Nella rete delle Fiamme Gialle bergamasche sono finite anche ben 500 confezioni di farmaci anabolizzanti che un passeggero proveniente dall’Est Europa trasportava nascoste tra gli indumenti e gli effetti personali nella valigia. L’uomo, un body builder bulgaro, è stato bloccato mentre stava cercando di superare i controlli con al seguito un
carico di prodotti dannosi per la salute, pronti per essere immessi sul mercato nero, quello delle palestre, per aumentare le prestazioni sportive. Il passeggero è stato denunciato a piede libero all’autorità giudiziaria e i farmaci sono stati sequestrati.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli