Menu
Cerca

Addio all’ex sindaco Galli, pioniere dell’isola pedonale in centro

Addio a Franco Augusto Galli, fu primo cittadino dal 1986 al 1990 ed esponente di spicco delle sezioni locali di Dc, Psi, Pri e Pli

Addio all’ex sindaco Galli, pioniere dell’isola pedonale in centro
Cronaca 30 Agosto 2017 ore 11:50

Addio all’ex sindaco Franco Augusto Galli, il primo a trasformare il centro storico di Crema in isola pedonale. Si è spento martedì mattina, a 78 anni, nella sua casa a Ombriano circondato dall’affetto degli amici e parenti. Le esequie si terranno oggi pomeriggio, alle 16, nella chiesa parrocchiale della frazione.

Pioniere del centro “chiuso” alle auto

Franco Galli è stato primo cittadino dal 1986 al 1990. Prese la nomina di sindaco lasciata vacante da Luciano Geroldi dopo un solo anno di mandato. Fu segretario ed esponente di rilievo di Democrazia Cristiana, Partito socialista italiano, Partito repubblicano italiano e Partito liberale italiano. Come ingegnere meccanico e dirigente della Snamprogetti girò a lungo per il mondo e dai suoi viaggi imparò la sensibilità per la mobilità, traendone un modello che cercò di replicare anche a Crema.  E’ ancora ricordato, infatti, come il primo amministratore del cremasco ad aver istituito l’isola pedonale nel centro storico cittadino, proibendo la circolazione e l’ingresso delle macchine, inclusa l’eliminazione dei parcheggi in piazza Duomo e via XX Settembre.

Il cordoglio

Fu una decisione molto impopolare all’epoca, la quale gli mise contro i commercianti del centro. La libera circolazione al traffico venne ripristinata dal sindaco  Walter Donzelli  nella successiva amministrazione (1990-1993), per poi essere nuovamente eliminata dalle Giunte seguenti. Le parole di cordoglio del sindaco Stefania Bonaldi: «Non lo ho conosciuto personalmente, ma mi è sempre stato rappresentato come persona seria, corretta, competente e molto preparata. A lui va la nostra riconoscenza per il servizio reso alla comunità e ai suoi cari esprimiamo la nostra vicinanza e il nostro affetto».