Addio a suor Rosalia, altro lutto nella comunità

Per anni insegnante alla scuola elementare della fondazione Vescovi di Calcio.

Addio a suor Rosalia, altro lutto nella comunità
Romanese, 23 Maggio 2018 ore 14:27

Addio a suor Rosalia (a sinistra nella foto, insieme a suor Rosaria) maestra nella scuola di Calcio. Si è spenta martedì a 83 anni. Tantissimi i messaggi di affetto per lei dai suoi compaesani.

Addio a suor Rosalia

Lutto nella comunità di Calcio, due grandi maestri se ne sono andati. Dopo la perdita del maestro Lauro domenica, martedì si è spenta suor Rosalia di 83 anni, per anni insegnante alla scuola elementare della fondazione Vescovi, dove risiede la comunità delle suore di «Maria Bambina».

Il ricordo delle consorelle

Suor Rosalia era originaria di Ascoli Piceno, all’anagrafe Valentina Malavolta, per anni aveva insegnato e, una volta in pensione, si era dedicata agli anziani ospiti della casa di riposo. «Suor Rosalia lavorava tanto per gli altri – ha raccontato una sua consorella – si dedicava ad aiutare gli anziani, faceva servizio nella pastorale per aiutare i poveri. In tanti si ricordano di lei. Ricordo che i suoi ex alunni hanno recentemente festeggiato il cinquantesimo e l’avevano invitata. Ma lei ha rifiutato perché già non stava bene. Si pensava avesse un disturbo al cuore, poi invece le hanno diagnosticato un tumore».

Insegnava l’uguaglianza

Tantissimi i messaggi di affetto dei calcensi che l’hanno conosciuta. Tra questi Dario Alborghetti che è stato un suo alunno. «Suor Rosalia è stata una persona eccezionale – ha detto – Predicava poco, ma le cose che diceva poi le metteva veramente in pratica e ce le trasmetteva a tutti noi. Ricordo bene che il suo cavallo di battaglia era l’uguaglianza, diceva che tutti gli uomini sono uguali perché tutti hanno dei sentimenti. Era una persona molto dolce e con una cultura molto ampia che ci trasmetteva in modo giocoso. Era molto capace e di persone come lei adesso se ne trovano poche. Quando si litigava diceva di cedere il colpo e portare amore. Questo mi ha insegnato dai sei agli undici anni. Sono molto dispiaciuto per la sua perdita».

Il ricordo dell’ex parroco

Un messaggio di affetto è arrivato anche da don Stefano Moruzzi, parroco dal 2002 al 2012, che ricorda anche suor Rosaria: «Come mi fa bene ricordarle e quanto mi dispiace la loro morte – ha scritto – due caratteri diversi, ma due persone stupende. Sono loro molto grato per quanto hanno fatto a Calcio per tutto il tempo che sono stato parroco».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia