Menu
Cerca

A Treviglio il Congresso su screening e prevenzione

Medici, professionisti ed esperti a confronto nella due giorni organizzata al Conventino.

A Treviglio il Congresso su screening e prevenzione
Treviglio città, 05 Dicembre 2019 ore 13:51

Due giorni dedicati alla prevenzione: successo per il congresso che si è tenuto il 29 e 30 novembre nel teatro del Conventino a Treviglio. Presente per la Caritas Diocesana di Treviglio Padre Giuseppe Locati con il suo libro “Ho visto e non posso tacere” in merito alla guerra in Congo e paesi limitrofi e il primario Radiologia Luca Voltini dei Lions di Treviglio e di Romano di Lombardia. Con il patrocinio della SIN e SIEDP di cui fa parte Veronica Deysi Genoveva Colombo organizzatrice e relatrice.

Tavola rotonda per i medici

Durante l’evento vi è stata un’attiva partecipazione del pubblico in sala con il prestigioso intervento del professor Stephen Mark Shore dell’Adelphi University di New York e la collaborazione clinica di Andrea Locatelli dell’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, Roberto Micheli degli Spedali Civili di Brescia e Luca Voltini  di Romano di Lombardia con la partecipazione della cardiologa Lucia Mauri, della psicologa Elena Macchi della Mangiagalli sulle cure e presa in carico dei pazienti e genitori ricoverati in patologia neonatale (PN) e/o terapia intensiva neonatale (TIN).

Spazio a nutrizione e sindromi rare

La seconda giornata è stata dedicata a un approfondimento delle diverse cause di disturbi alimentari con la relazione magistrale di Guido Cattaneo odontoiatra dell’ASST Bergamo Ovest e di Veronica Deysi Colombo in merito alla Scienza Comportamentale Applicata alla Nutrizione dalla nascita all’età evolutiva in merito alla diagnosi differenziale tra intolleranze e allergopatie.

Si è inoltre approfondito il tema delle Sindromi Rare sia dermatologiche che cerebrovacolari e con la dottoressa Roberta Galantino che ha relazionato sulla Sindrome della Tourette (tic involontati con o senza psicosi e/o Autismo e/o Iperattività associata) e soprattutto sono stati sottolineati i punti di forza, e non più le fragilità, dei bambini affetti da autismo grazie alla straordinaria presenza di Stephen Mark Shore come referente per l’Autism Speaks.

Spot per l’autismo

Durante il Galà serale del 29 novembre si è proseguito con l’intervento sui contaminanti alimentari e magnetici con l’esperto biologo Giordano Ghilardi mentre il giorno seguente è stato proiettato un cortometraggio sull’autismo molto commovente sia per le immagini che per la musica rap della Big Family promossa dall’Associazione “Amici di Nico” che con il progetto changing che si spera possa diventare uno spot pubblicitario di sensibilizzazione promosso dal Ministero della Salute e dell’Educazione.

TORNA ALLA HOME

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli