Menu
Cerca

Il “Giardino delle rimembranze” per disperdere le ceneri dei propri cari

Chi non vuole acquistare un ossario da oggi ha la possibilità di spargerne le ceneri in una zona dedicata

Il “Giardino delle rimembranze” per disperdere le ceneri dei propri cari
Cronaca 15 Ottobre 2017 ore 16:58

Il cimitero di Casaletto Vaprio si trova al centro di un importante progetto di risanamento conservativo e di riqualificazione della struttura, una ristrutturazione necessaria sotto il profilo funzionale, ma innovativa anche sul piano pratico. Per l’inizio di settimana prossima è previsto il completamento del «Giardino delle rimembranze» dove disperdere le ceneri dei propri cari e nel giro di qualche giorno, l’arrivo di un monumento in marmo e la sistemazione dell’area verde antistante l’edificio.

Per disperdere le ceneri dei propri cari

Il «Giardino delle rimembranze», un’appezzamento adibito a cinerario, dove sarà possibile disperdere le ceneri dei propri cari, è la novità principale del progetto di riqualificazione, che al suo interno prevede anche interventi di adeguamento alle normative, come ha spiegato il consigliere Gian Franco Piana. «Le nuove norme del regolamento non ci permettono di seppellire i defunti a causa delle infiltrazioni nel sottosuolo – ha spiegato – Il Giardino delle rimembranze esiste da anni in Italia, ma non è molto diffuso. Chi non vuole acquistare un ossario e sceglie di cremare il famigliare defunto, da oggi ha la possibilità di spargerne le ceneri in una zona dedicata».

Riqualificazione complessiva

Parallelamente a questi interventi, sono in corso ulteriori manutenzioni, alcune già effettuate, altre da determinare sul medio periodo. I tetti, già sostituiti, hanno arginato le infiltrazioni d’acqua piovana dovute principalmente a un’inadeguata conservazione della struttura che il passare del tempo ha soltanto peggiorato, ma sotto il profilo idrogeologico, c’è ancora un canale irriguo su cui intervenire. «Abbiamo dato la priorità alla sostituzione dei tetti, ai nuovi intonaci, alla tinteggiatura interna ed esterna – ha aggiunto Piana, entrando nel dettaglio delle singole opere – Abbiamo ancora del lavoro da fare, ma per l’aprile venturo contiamo di poter consegnare ai cittadini di Casaletto un cimitero valido sotto tutti i punti di vista, ma soprattutto ben fatto, che duri nel tempo».